Lavoratori "in nero" e nessun rispetto delle norme covid: chiuso un locale in via Gramsci

Un locale di via Gramsci è stato chiuso per cinque giorni: all'interno due dipendenti "in nero", tavoli non distanziati e mancanza di dispositivi di protezione

Un locale di via Gramsci è stato chiuso per cinque giorni: all'interno due dipendenti "in nero" e nessun dispositivo di protezione per far fronte all'emergenza covid. 

Nella mattinata di martedì 27 ottobre, la Polizia è entrata per un controllo in un bar trattoria di via Gramsci, più volte segnalato dai cittadini come luogo di ritrovo di pregiudicati. All’interno, dietro al bancone, era presente un uomo che si apprestava a fare alcuni caffè che non risultava fra i dipendenti dell’esercizio.

Per questo motivo è stato richiesto l’intervento di personale della Guardia di Finanza. Proseguendo con il controllo, gli agenti hanno notato un dipendente, anch’esso irregolare, che maneggiava alimenti destinati alla somministrazione senza il necessario dispositivo di protezione, mentre il locale non presentava il dovuto distanziamento tra i tavoli ed era privo di qualsiasi indicazione circa la capienza massima. Identificati gli avventori presenti, risultati tutti pregiudicati.

Il locale è stato chiuso per 5 giorni ed è stata elevata una sanzione amministrativa per il dipendente irregolare privo di mascherina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ruba smartphone a mamma con neonato sul bus, poi la prende a pugni

  • Coronavirus, da domenica la Liguria torna in zona gialla

  • È arrivata la neve: le foto

  • A 116 km orari in corso Europa: patente ritirata e maxi multa

  • Perdono entrambi i genitori nel giro di un anno: mobilitazione per aiutare due fratelli di Quezzi

  • Il proverbio di Santa Bibiana, che "prevede" il meteo

Torna su
GenovaToday è in caricamento