Venerdì, 25 Giugno 2021
Coronavirus

Vaccini covid, la Liguria apre ai titolari di seconde case e ai turisti stagionali

Il presidente della Regione, Giovanni Toti, aggiorna sulla possibilità di somministrazione da parte di chi arriva in vacanza

La Liguria è pronta a vaccinare contro il coronavirus i turisti di lunga data e quelli che trascorrono almeno un mese nelle località della regione.

In attesa di linee guida nazionali più specifiche - un’ordinanza del commissario Figliuolo già consente di vaccinare i non residenti, senza però entrare nel dettaglio - il presidente della Regione, Giovanni Toti, è tornato a chiarire che in Liguria si potranno vaccinare i non residenti, a patto che abbiano eletto un domicilio sanitario.

«Se sei un turista stanziale sul nostro territorio ritengo tu abbia diritto sia alla prima sia alla seconda dose - ha chiarito Toti - se vieni a fare un fine di settimana lungo o sei notti in un albergo è improponibile fare un censimento».

Il censimento riguarda, appunto, le persone che non sono residenti in Liguria ma che vi passano stabilmente del tempo, che sia per vacanza o per lavoro. E che vi rimangono per un periodo sufficiente a completare il ciclo vaccinale.

«Chi passa un intero mese in una nostra località o ha una seconda casa - ha concluso Toti - potrà prenotare il vaccino sul portale andando alla Asl di competenza, iscrivendosi al registro dei non residenti con la tessera sanitaria, facendosi assegnare temporaneamente un medico di medicina generale e abilitando la tessera sanitaria ai servizi telematici della regione».

A chi invece arriva in Liguria per un breve soggiorno, ha concluso Toti, «sconsiglio di perdere tempo e giornate per questa operazione di iscrizione». Rimandata invece, al momento, l'idea degli Open Day, «quantomeno non come modello Lazio, che potrebbero creare assembramenti che noi francamente non vogliamo»

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccini covid, la Liguria apre ai titolari di seconde case e ai turisti stagionali

GenovaToday è in caricamento