Mercoledì, 22 Settembre 2021
Coronavirus

Coronavirus, il vaccino è arrivato in Italia

«Le 320 dosi che spettano alla nostra regione arriveranno domenica mattina all'ospedale San Martino di Genova e subito inizieremo le somministrazioni al personale sanitario e a una Rsa genovese», ha spiegato il presidente della Regione, Giovanni Toti

Il furgone che trasporta le fiale di vaccino (Foto Ansa)

Il vaccino Pfizer contro il coronavirus è arrivato in Italia. Il furgone con le prime 9.750 dosi di vaccino ha raggiunto Roma. Il carico è arrivato a destinazione la sera del 25 dicembre presso una struttura dei carabinieri a Tor di Quinto. Oggi, sabato 26 dicembre i vaccini vengono recapitati all'ospedale Spallanzani.

A distribuire i vaccini sul territorio italiano provvederanno i mezzi e gli aerei dell'Esercito. «Il 27 dicembre inizia il futuro - ha commentato il presidente della Regione, Giovanni Toti -: le 320 dosi che spettano alla nostra regione arriveranno domenica mattina all'ospedale San Martino di Genova e subito inizieremo le somministrazioni al personale sanitario e a una Rsa genovese. Lavoreremo senza sosta per garantire una campagna vaccinale rapida ed efficace», conclude il governatore.

Coronavirus, il bollettino del 25 dicembre

Le vaccinazioni prenderanno il via alle ore 10. La prima a ricevere il vaccino anti covid sarà la coordinatrice infermieristica del reparto di Rianimazione dell’Ospedale Policlinico San Martino Gloria Capriata, 48 anni, in prima linea durante tutto il periodo dell'emergenza. Genovese, lavora al Policlinico dal 1992, da quando aveva 19 anni.

«Il 29 e il 30 ne arriveranno altri e non ci dovremo più fermare fino a che a metà primavera ci auguriamo di avere messo in sicurezza almeno tutte le persone davvero a rischio. Entro la fine di gennaio dovremmo avere vaccinato tutto il nostro personale sanitario e tutti gli ospiti delle rsa», ha spiegato Toti nel corso di una diretta Facebook.

«A quel punto - prosegue Toti - credo che non avremo più difficoltà con i nostri ospedali, perché se anche il covid dovesse continuare a circolare, non andremo più in affanno, visto che il 50% dei letti dei nostri ospedali e oltre l'ottantacinque per cento dei morti riguarda ospiti di rsa, grandi anziani e persone di questo genere, oltre a chi ha malattie croniche».

«Entro l'estate - ha concluso Toti - dovremmo riuscire a vaccinare un numero di liguri, 5-600mila, tali che si possa poi parlare di quell'immunità diffusa, che ci consentirà di tornare alla normalità della nostra vita, ma io conto si posso fare molto prima».

Nello studio clinico che ha portato all'autorizzazione, BNT162b2 è stato "generalmente ben tollerato senza problemi di sicurezza segnalati finora dal comitato di monitoraggio dei dati", precisano le aziende. Pfizer e BionTech stanno sfruttando le principali capacità di produzione e distribuzione di vaccini di Pfizer per scalare, produrre e distribuire rapidamente grandi quantità di vaccino di alta qualità. Sulla base delle proiezioni attuali, la rete di produzione combinata di Pfizer e BionTech ha il potenziale per fornire fino a 1,3 miliardi di dosi entro la fine del 2021.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, il vaccino è arrivato in Italia

GenovaToday è in caricamento