Coronavirus

Vaccino covid, la Liguria spinge sugli anziani: «Con gli over80 vaccinati, 30% in meno di ricoveri»

A rallentare la somministrazione delle dosi tra la fascia di popolazione più a rischio è il tema del consenso informato

Priorità agli over 65 per i vaccini: la Regione Liguria segue la linea nazionale e punta a somministrare quante più dosi possibile alla popolazione più anziana, arrivando alla fine di febbraio con la maggioranza in sicurezza.

«Quando riusciremo a vaccinare tutti i soggetti over 80 avremo una diminuzione del 30% delle ospedalizzazioni e del 60% dei decessi - ha confermato il sub commissario di Alisa, Filippo Ansaldi - Quando arriveremo ai 65 enni avremo un numero di decessi molto limitato pari al 4% e una diminuzione del 60% degli accessi in ospedale».

All’8 gennaio in Liguria erano state somministrate 15.897 dosi di vaccino Pfizer, pari al 52% di quelle arrivate. I dati, però, evidenziano come la maggior parte sia stat somministrata a soggetti tra i 50 e i 59 anni d’età (5.218), mentre soltanto 695 dosi sono state somministrate a pazienti tra gli 80 e gli 89 anni d’età, appena 354 a pazienti tra i 70 e i 79.

Le motivazioni sono diverse: nella prima fase i vaccini sono destinati a operatori sanitari e pazienti delle rsa, e nelle residenze sanitarie protette liguri l’età media molto alta. In tutti i casi serve il consenso informato, e in caso di pazienti con età media molto alta e incapaci di esprimerlo si pone il problema di chi debba prendere decisioni in loro vece: la giurisprudenza stabilisce che si debba fare richiesta di un amministratore di sostegno al tribunale, a meno che - come stabilito nel decreto legge del 5 gennaio - non sia il direttore sanitario o il responsabile medico ad esprimere il consenso in vece del paziente.

Difficoltà burocratiche che inevitabilmente allungano i tempi di somministrazione del vaccino, e che si cerca di risolvere in vista anche della nuova consegna di vaccini Pfizer e dell’arrivo delle prime dosi del vaccino Moderna, che ha ricevuto il via libera dall’Ema.

«La nostra regione è al pari delle altre regioni italiane per utilizzo di vaccini - ha detto Barbara Rebesco, responsabile della farmaceutica di Alisa e della logistica dei vaccini - a partire dall’11 gennaio è prevista la terza consegna di 17 “pizza box”, contenenti oltre 29.000 dosi di vaccino con i quali si arriverà a 56.000 dosi. Ci avviciniamo così alla soglia della quantità richiesta, circa 60.000 dosi, e con la registrazione del vaccino di Moderna potremo avere anche un altro presidio che ci consentirà di tarare ulteriormente l’offerta vaccinale».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccino covid, la Liguria spinge sugli anziani: «Con gli over80 vaccinati, 30% in meno di ricoveri»

GenovaToday è in caricamento