rotate-mobile
Martedì, 21 Maggio 2024
Coronavirus

Reazioni avverse al vaccino anti covid, banchetti in 15 città

Il Comitato Ascoltami! si è formato per volontà di un gruppo di persone vaccinate, che hanno subito danni gravi dopo il vaccino e si sono ritrovate ignorate e denegate dalle istituzioni, in un profondo senso di sgomento e disperazione

Reazioni avverse al vaccino anti covid-19, sabato 18 marzo 2023 nelle principali piazze italiane il Comitato Ascoltami! sarà presente con dei banchetti informativi dove personale sanitario e giuristi saranno a disposizione dei cittadini dalle ore 10 alle ore 18 per dare informazione a tutti, danneggiati e non, vaccinati e non. Verrà anche proposta una raccolta firme per portare in Parlamento quattro richieste specifiche a tutela dei danneggiati da 'vaccino'.

Il Comitato Ascoltami! che è impegnato anche nella proiezione del docufilm Invisibili di PlayMasteMovie in tutta Italia, si è formato per volontà di un gruppo di persone vaccinate, che hanno subito danni gravi dopo il 'vaccino' e si sono ritrovate ignorate e denegate dalle istituzioni, in un profondo senso di sgomento e disperazione.

Lo slogan 'Reazioni avverse. Uniti per guarire' esprime la mission: fare in modo che nessuno possa più girarsi dall'altra parte di fronte a un essere umano che soffre, aldilà di ogni ideologia e divisione sociale. I valori dichiarati sono Cura, verità e Giustizia attraverso l'Unione di persone vaccinate e non vaccinate, danneggiate e non danneggiate.

Lo scopo del Comitato è senza fini di lucro, non si danno consigli, si vuole informare, sensibilizzare società e istituzioni e la comunità scientifica, si mettono in relazione persone. Tutto per arrivare ad avere delle diagnosi e delle cure.

La presidente è Federica Angelini, maestra elementare di Verona, vaccinata a marzo 2021 e da subito vittima di una reazione avversa. Ecco dove trovare gli info-point:

Asti, piazza Alfieri portici Anfossi
Bologna, via Indipendenza 54
Cagliari, corso Vittorio Emanuele 32
Como, via Caio Plinio 30
Genova, via Colombo incrocio via San Vincenzo
Mestre, piazzetta XXII Marzo
Milano, piazza Argentina angolo Via Mercadante
Napoli, Salita della grotta (accanto all’ufficio postale e alla metropolitana di
Mergellina)
Perugia, piazza della Repubblica
Rimini, piazza Tre Martiri
Roma, viale Marconi 186
Torino, via Roma 4
Varese, piazza Carducci
Vercelli, via Cavour
Verona, piazza Bra zona Liston

Ecco le richieste al presidente del Consiglio Giorgia Meloni, presidente della Camera Lorenzo Fontana, presidente del Senato Ignazio La Russa e tutti i membri del Parlamento:

  1. Partecipazione di un rappresentante del Comitato Ascoltami! alla Commissione d'Inchiesta Parlamentare sulla gestione pandemica per ciò che concerne i danni dai 'vaccini anti covid-19'. Inoltre chiediamo da subito una raccolta dati presente e futura più accurata e verosimile attraverso una farmacovigilanza attiva e un'indagine retrospettiva.
  2. Creazione ad hoc di un codice esentivo specifico rilasciato dal medico di medicina generale per sospetti eventi avversi da cosiddetti 'vaccini anti covid-19', con conseguente prestazione a carico totale del sistema sanitario nazionale o sgravio fiscale del 100% della spesa sostenuta per la prestazione diagnostico/terapeutica, nel caso in cui il paziente afferisca a una prestazione privata (effettuata per libera scelta o per tempi di esecuzione più brevi). Istituzione entro brevissimo tempo, di un Ambulatorio Internistico dedicato agli eventi avversi in ogni Regione italiana, per la cura dei danneggiati da vaccino. Questi Ambulatori saranno rivolti a tutti coloro con diagnosi/correlazione/presunta correlazione di evento avverso da 'vaccino anti covid-19'. Questi ambulatori dovranno avere al centro il paziente nella sua complessità, potendo essere promotori di un lavoro di equipe multidisciplinare volto all'ottenimento della miglior cura in situazioni estremamente complesse che potrebbero richiedere l'intervento di molteplici specializzazioni a confronto: cardiologia, pneumologia, neurologia, nefrologia, oculistica, psicologia, medicina complementare, infettivologia, medicina fisica e riabilitazione, oncologia, ginecologia, immunologia, ematologia e qualsiasi altra specializzazione utile a costruire il percorso di cura migliore per ogni singolo caso.
  3. Stanziamento di fondi per la ricerca sui danni da 'vaccino anti covid-19', con priorità ai centri di ricerca che da mesi se ne stanno occupando o che hanno come responsabile del progetto/collaboratori danneggiati da vaccino, oltre a fondi per le Università e dottorati di ricerca dedicati sempre con priorità per gli studenti/dottorandi/professori/ricercatori con sospetta o certificata reazione avversa al 'vaccino anti covid-19'.
  4. Snellimento, deburocratizzazione, e istituzione di una Commissione Tecnica Scientifica Indipendente (infra denominata pure Ctsi) per la valutazione del risarcimento del danno da cosiddetti 'vaccini anti covid-19'. Valutazione in ordine alla L. n. 210/92 ed alla L. 229/2005: possono le misure in esse previste essere considerate adeguate per la situazione sui generis dei danneggiati dal cosiddetto vaccino anti covid-19 o data la straordinarietà e numerosità delle reazioni avverse, in una campagna vaccinale a tutt'oggi in corso, sia auspicabile legiferare ad hoc, ai fini della previsione di una più congrua valutazione delle strategie di verifica e ristoro del danno, in combinato disposto con il punto 2) anzi esposto e con l'istituzione della Ctsi reclamata.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Reazioni avverse al vaccino anti covid, banchetti in 15 città

GenovaToday è in caricamento