Turismo in ripresa, a giugno perdite dimezzate rispetto a maggio

Dal meno 91,57% di maggio al meno 49,96% di presenze turistiche dell'ultima settimana di giugno. È racchiusa tra queste due cifre la veloce ripresa del turismo ligure dopo il trauma del lockdown primaverile

Dal meno 91,57% di maggio al meno 49,96% di presenze turistiche dell'ultima settimana di giugno. È racchiusa tra queste due cifre la veloce ripresa del turismo ligure dopo il trauma del lockdown primaverile, che tra marzo e maggio ha praticamente azzerato gli arrivi e le presenze sulle riviere e nell'entroterra.

E se marzo e aprile erano naturalmente negativi a causa della chiusura delle frontiere regionali, il dato molto negativo di maggio non era certo un buon segnale per l'incipiente stagione estiva. Invece, in poche settimane, l'inversione di tendenza: 609.181 presenze a giugno contro le 1.926.990 di giugno 2019 (uno dei mesi più positivi dell'anno, che aveva registrato notevoli incrementi presenze, soprattutto di stranieri); nell'ultima settimana le presenze sono state 253.637 contro le 506.914 della stessa settimana nel 2019.

«La Liguria non si ferma davvero mai, nonostante tutte le difficoltà - ha detto il Presidente di Regione Liguria Giovanni Toti - non potevamo immaginare premesse peggiori per questa stagione estiva tra Covid e problemi logistici, eppure i turisti, appena possono, tornano sulle nostre spiagge e nel nostro entroterra. Grazie di cuore, a nome di tutti i liguri, a chi non ha smesso di lavorare un solo giorno per preparare l'accoglienza nella stagione più diffficile di sempre. Noi abbiamo creduto in loro e li abbiamo supportati con tempestive campagne di promozione: siamo stati la prima regione a farle nel post covid».

«È un anno davvero difficile e senza paragoni - commenta l'assessore al turismo Gianni Berrino - ma è confortante vedere la rapida risalita che si è verificata in tutte le province nel mese di giugno. Sulle prime due settimane di luglio inciderà purtroppo anche il disservizio autostradale, ma attendiamo i numeri. Certo l'economia turistica non può reggersi su un 48% in meno nella stagione più importante, però la pronta ripresa significa che chi vive di turismo non si sta perdendo d'animo e si è messo al lavoro, e che l'attrattività della destinazione Liguria è ancora integra».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La risalita ha caratterizzato tutte le province, con qualche differenza: la migliore performance si è registrata in provincia di Savona (-93,6% a maggio, -46,62% nell'ultima settimana di giugno), seguita da Genova (da -87,06 a -45,15%), Imperia (da -92,77% a -54,51%) e La Spezia (da -93,77% a -59,39%

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ex Rinascente, da ottobre arriva Axpo: inaugurazione con un omaggio a Genova

  • Genoa, cinque nuovi acquisti per Maran

  • Elezioni regionali Liguria 2020, Toti oltre il 50%. Sansa: «Avventura finita»

  • Violenza sessuale in ospedale, ausiliario approfitta di una paziente in anestesia

  • Elezioni regionali, la mappa del voto a Genova

  • Coronavirus, caso positivo al Liceti di Rapallo, classe in quarantena

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento