Coronavirus, al San Martino la “super-macchina” per tamponi: da lunedì 1.000 al giorno

Arrivato nel pomeriggio di mercoledì il primo elemento, nei prossimi giorni arriveranno gli altri: obiettivo iniziare da lunedì a processare centinaia di test

È arrivato dall’America mercoledì pomeriggio il primo pezzo del macchinario che consentirà di processare mille tamponi al giorno e aumentare così le diagnosi di positività al coronavirus.

Il macchinario, acquistato dal San Martino grazie a parte delle risorse derivanti dalla raccolta fondi #GenovaPerSanMartino, è costato 270.000 euro, e il primo elemento è stato già sistemato nell’ospedale. Giovedì dovrebbe arrivare il secondo pezzo, e venerdì il macchinario verrà assemblato in modo da iniziare, da lunedì, a processare i mille tamponi al giorno.

Il presiente della Regione Liguria, Giovanni Toti, ha già annunciato che l’obiettivo è arrivare a fare 3mila tamponi al giorno, per un totale compreso tra i 95 e i 100mila al mese. 

«Presto partiranno anche i test rapidi nei pronto soccorso - ha aggiunto Toti - che ci permetteranno di sapere in mezz'ora se un paziente è positivo o no al Covid e agire subito di conseguenza. Nel frattempo stiamo lavorando a una convenzione con i laboratori che consenta l'acquisto dei test a saponetta a prezzi calmierati alle aziende che vorranno fare uno screening dei loro lavoratori».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al San Martino, trovato morto paziente allontanatosi dal reparto

  • Ruba smartphone a mamma con neonato sul bus, poi la prende a pugni

  • Coronavirus, da domenica la Liguria torna in zona gialla

  • Liguria verso zona gialla, ma gli spostamenti fuori regione restano in forse

  • Perdono entrambi i genitori nel giro di un anno: mobilitazione per aiutare due fratelli di Quezzi

  • Antiche tradizioni: cos'è il "ragno genovese"?

Torna su
GenovaToday è in caricamento