Bar e ristoranti si preparano a ripartire, centinaia di richieste per dehor e spazi all'aperto

Obiettivo, realizzare aree in cui sistemare tavoli e sedie a distanza di sicurezza. Il Comune di Genova ha già annullato gli oneri di occupazione del suolo pubblico per tutto il 2020

Bar e ristoranti genovesi si preparano alla ripartenza dopo il lockdown da coronavirus, e il Comune ha avviato un iter per agevolare i titolari delle attività che dà la possibilità di ottenere gratuitamente porzioni di suolo pubblico per consentire la realizzazione di dehor in cui posizione tavoli e sedie per garantire la distanza di sicurezza.

«Concessioni rapide, gratuite, possibilità di studiare assieme spazi, aree, piazze e pedonalizzazioni eventuali»,  conferma l’assessore comunale al Commercio, Paola Bordilli, dopo che la giunta, lo scorso 23 aprile, ha stabilito l’esenzione dal pagamento di ogni onere connesso alle nuove occupazioni di spazi e aree pubbliche o agli ampliamenti di quelle esistenti. 

Il provvedimento è destinato ai titolari di attività di somministrazione o consumo, vale per tutto il 2020, e moltissimi piccoli imprenditori hanno deciso di approfittarne, sopratutto chi ha locali di metratura ridotta e, distanziando i tavoli per rispettare la distanza di sicurezza, si ritroverebbe di fatto a servire pochissimi coperti. Come confermato da Bordilli e anticipato anche dal sindaco Marco Bucci, che aveva parlato di “piazze e strade del gusto”, il Comune nel rilasciare le autorizzazioni prenderà in considerazione anche proposte per pedonalizzare tratti di strada o intere strade, chiudendole al traffico e consentendo a bar e ristoranti di usare la strada per allestire i tavoli.

Le prime autorizzazioni dovrebbero iniziare ad arrivate già da lunedì, in modo da consentire ai titolari delle attività di iniziare ad allestire gli spazi, in linea anche con il contenuto della nuova ordinanza regionale che consentirà di raggiungere le attività già dall’11 maggio per avviare i lavori di preparazione alla riapertura, fissata - se i dati del contagio lo consentiranno - al 18 maggio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«La possibilità di mettere i tavolini fuori ha avuto molto successo - ha confermato il sindaco Marco Bucci - La nostra idea di offrire il suolo pubblico gratuito è stata ripresa da tutti gli importanti Comuni di italia e a livello nazionale, ci sono arrivare circa 140 domande e da lunedì le prime 40 avranno l’autorizzazione. L’obiettivo è consentire ai ristoranti di fare tanti coperti, e l’altro effetto positivo è che le strade saranno un bellissimo spettacolo da vedere».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Accensione riscadamento 2020: a Genova i termosifoni si accendono dal 14 ottobre

  • Coronavirus: chiusi h24 e sale giochi in tutta la città, i provvedimenti per le zone "rosse"

  • Coronavirus, in arrivo la nuova ordinanza per Genova

  • Covid: i confini delle nuove "zone rosse" di Genova, strada per strada, e cosa è vietato fare

  • Coronavirus e ipotesi lockdown, Bassetti: «Coprifuoco opportuno per Genova, Milano e Roma»

  • Coronavirus: in arrivo un nuovo Dpcm, sembra escluso il 'coprifuoco'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento