Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Coronavirus Principe / Piazza Acquaverde

"No Green Pass", flop per l'annunciata invasione dei binari: a Principe una decina di persone

Stazione blindata dalle forze dell'ordine ma pochissimi manifestanti hanno risposto all'appello lanciato sui canali Telegram dagli organizzatori

Era stata annunciata come la giornata dell'invasione dei binari invece la protesta dei No Vax e dei No Green Pass, in occasione dell'entrata in vigore dei nuovi obblighi legati al certificato verde, si è rivelata un flop.

Nel mirino dei manifestanti, oltre agli altri divieti che riguardano i trasporti, la scuola e l'università, proprio le stazioni ferrovarie da cui transitano i treni a lunga percorrrenza dove da oggi, mercoledì primo settembre, per viaggiare è necessario esibire il Green Pass.

A Genova i No Vax si sarebbero dovuti incontrare a partire dalle 14.30 di fronte a stazione Principe ma all'appello hanno risposto soltato una decina di persone. Molti, invece, i controlli con un massiccio spiegamento di forze dell'ordine che hanno blindato gli accessi della stazione in piazza Acquaverde. 

Nonostante la bassissima affluenza una donna è stata denunciata Digos. Davanti all'ingresso principale le erano stati chiesti i documenti che, inizialmente, la manifestante si è rifiutata di fornire. Poi ha consegnato il documento, ma ha iniziato a insultare la polizia presente: è accusata di rifiuto di declinare le generalità e di oltraggio a pubblico ufficiale.

Un'altra persona, invece, è stata portata in Questura per essere identificata non avendo portato con sé i documenti. La protesta dei No vax e No Green Pass non ha avuto, dunque, un'alta partecipazione. Un nulla di fatto, considerati i numeri dei manifestanti che hanno risposto alla chiamata del gruppo Telegram "Basta dittatura".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"No Green Pass", flop per l'annunciata invasione dei binari: a Principe una decina di persone

GenovaToday è in caricamento