Coronavirus

Coronavirus, da lunedì scuole aperte alla Spezia. Cosa prevede la nuova ordinanza

Inizia l'attività didattica di ogni ordine e grado ma permane l'obbligo di portare la mascherina anche all'aperto. Locali aperti anche in seconda fascia serale e divieto di manifestazioni pubbliche o private

Da lunedì scuole aperte alla Spezia e ripresa delle attività bloccate dall'ordinanza del 12 settembre. 

Rimane, però, l'obbligo di portare la mascherina all'esterno e il divieto di manifestazioni pubbliche e private. 

Ecco nel dettaglio quanto stabilisce la nuova ordinanza firmata dal presidente Giovanni Toti, sabato 26 settembre.

I locali potranno rimanere aperti anche dopo la mezzanotte, riaprono le aree gioco attrezzate all’interno di parchi, ville e giardini, i centri culturali e sociali e i circoli ludico ricreativi; decadono anche le misure restrittive speciali previste per il quartiere umbertino.

È stato invece prorogate fino alla mezzanotte del 4 ottobre l'obbligo di protezione individuale anche all'aperto.

Continuerà dunque ad essere obbligatorio l'uso di protezioni delle vie respiratorie "negli spazi di pertinenza dei luoghi e locali  aperti  al pubblico - si legge nell'ordinanza - nonché negli  spazi  pubblici  (piazze, slarghi, vie, lungomari) ove per le caratteristiche fisiche  sia  più agevole il formarsi di assembramenti anche di natura spontanea e/o occasionale".

Vietate anche le manifestazioni pubbliche e private e la partecipazione del pubblico ad eventi sportivi "di minore entità", mentre possono riprendere gli sport di contatto e di squadra.

Ordinanza Regione Liguria n.64 del 26 settembre 2020-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, da lunedì scuole aperte alla Spezia. Cosa prevede la nuova ordinanza

GenovaToday è in caricamento