Coronavirus, la comunità senegalese dona mille euro alla Protezione Civile di Genova

Quella senegalese è una delle comunità più antiche e radicate in città

Una raccolta fondi di mille euro donati alla Protezione Civile locale e la massima disponibilità per attività di volontariato a favore della cittadinanza genovese: così l’Associazione dei Senegalesi di Genova e il console onorario della Repubblica del Senegal a Genova Virgilio Pompei hanno mostrato la vicinanza e solidarietà della propria comunità alle famiglie delle vittime e di coloro che stanno lottando contro la pandemia Covid-19.

Quella senegalese è una delle comunità più antiche e radicate in città; queste loro iniziative contribuiscono ad evidenziare il profondo legame che la unisce alla Superba e a sottolineare l’importanza di sentirsi uniti per fronteggiare e superare insieme l’attuale emergenza sanitaria.

Stamattina la presidente dell’Associazione dei Senegalesi di Genova Rosalie Seck ha incontrato il consigliere delegato alla Protezione Civile e alla valorizzazione del volontariato Sergio Gambino che ha così espresso la propria gratitudine: «In questo momento di difficoltà per la nostra città e per l’Italia intera questo gesto di generosità della comunità senegalese e della sua presidente Rosalie Seck ci dà ancora più forza e coraggio nell’affrontare le sfide che si presentano sul nostro cammino. Sono gesti che esprimono ed infondono energia pura per l’anima e il cuore».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente di caccia a Bolzaneto: muore 58enne colpito per errore

  • Travolta da uno scooter a Sant'Eusebio, muore in ospedale: «Ciao Ale»

  • All'asta le sneaker della Lidl. Anche mille euro per una taglia 38

  • Tragedia al San Martino, trovato morto paziente allontanatosi dal reparto

  • A passeggio dopo il coprifuoco: «Stiamo tornando a casa dopo una festa con amici». Multati

  • La risposta ligure alle scarpe della Lidl? Ci pensa il comico Andrea Di Marco con il Movimento Estremista Ligure

Torna su
GenovaToday è in caricamento