Coronavirus, la solidarietà degli chef genovesi: i loro piatti distribuiti gratis al San Martino

Gli chef di vari ristoranti e punti vendita da domenica distribuiscono gratuitamente pasti e altri beni di prima necessità

Le iniziative solidali in questo momento di emergenza arrivano anche dal mondo dell'alta cucina genovese, con chef che hanno deciso di preparare gratuitamente pasti per il personale degli ospedali, che in queste lunghe giornate è al lavoro per salvare le vite dei pazienti positivi al coronavirus in una vera e propria corsa contro il tempo.

Lo chef genovese Matteo Losio del "Bruxaboschi", Stefano Di Bert di "Sapore Maestrale", Andrea Zane di "Toue Drue" e Roberto Panizza de "Il Genovese" a partire da domenica 22 marzo distribuiranno gratuitamente pasti e altri beni di prima necessità in orario serale al reparto di Malattie Infettive dell'ospedale San Martino. La distribuzione al reparto avverrà in assoluta sicurezza, grazie al contributo della Croce di San Desiderio.

In più, sempre domenica, lo chef Marco Visciola di Eataly ha preparato e fatto pervenire attraverso i rider di Eco Bike 400 panini con la porchetta per tutti i professionisti impegnati nell’emergenza nei 7 padiglioni maggiormente sollecitati dell'ospedale genovese.

Ai suoi prodotti si sono uniti altri 19 chili di gelato del Salotto delle Dolcezze e 300 monoporzioni del Biscottificio Grondona. Pervenuti in ospedale 300 monoporzioni di prodotti di Romanengo, sempre indirizzati a medici, infermieri, oss e agli altri operatori impegnati sul campo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente di caccia a Bolzaneto: muore 58enne colpito per errore

  • Tragedia al San Martino, trovato morto paziente allontanatosi dal reparto

  • Coronavirus, da domenica la Liguria torna in zona gialla

  • Ruba smartphone a mamma con neonato sul bus, poi la prende a pugni

  • Morta in un incidente, raccolta fondi per la famiglia di Alessandra Parente: donati gli organi

  • Liguria verso zona gialla, ma gli spostamenti fuori regione restano in forse

Torna su
GenovaToday è in caricamento