menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giornata nera negli ospedali: boom di accessi e pronto soccorso in tilt

Lunedì e martedì, subito dopo il weekend, gli arrivi negli ospedali sono aumentati esponenzialmente: solo nel pomeriggio la situazione è tornata gradualmente alla normalità

Giornate difficili per i pronto soccorso del capoluogo ligure a causa di un importante afflusso di pazienti che si è registrato tramite il 118.

Nelle giornate di lunedì e martedìil pronto soccorso dell’ospedale Galliera ha funzionato “a singhiozzo”, così come quello del Villa Scassi, con il 118 che si è visto costretto a dirottare le ambulanza sul Policlinico San Martino che, per diverse ore, è rimasto l'unico pronto soccorso cittadino pienamente operativo.

Proprio al San Martino, per limitare la diffusione del contagio e per affrontare il massiccio incremento degli accessi al Pronto Soccorso, la direzione sanitaria ha predisposto la conversione del secondo piano del Padiglione Specialità (17 letti) per accogliere pazienti sospetti Covid positivi da un punto di vista clinico, ma ancora in attesa del responso del tampone dal laboratorio. Nel reparto, in supporto all’Area Medica Critica del Pronto Soccorso gestita dalla dottoressa Arboscello, è in servizio il team del professor Aldo Pende, direttore della U.O. Clinica Medicina.

Solamente nel pomeriggio di martedì l’attività di invio delle ambulanze, attraverso il 118 e verso i pronto soccorso, è ripresa con gradualità: «A fronte di una lieve riduzione dei pazienti affetti da sintomatologia Covid correlata - ha detto Angelo Gratarola, coordinatore del Diar Emergenza-urgenza-  stiamo assistendo a un incremento di altre patologie più tradizionali che giustificano l'elevato numero di accessi ai dipartimenti di emergenza».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento