Coronavirus e scuole, Bassetti: «Devono riaprire, rischio zero non esiste»

L’infettivologo genovese, in un’intervista, è categorico: «Non c’è nulla di scientifico nel fare una settimana a scuola e una a casa o bloccare le macchinette dei distributori automatici»

Il rischio zero non esiste, ma è calcolato: Matteo Bassetti è categorico, e appoggia il ritorno a scuola il prima possibile dopo il lungo lockdown imposto dall'emergenza coronavirus e la pausa estiva.

«Si deve tornare a scuola. Il rischio zero evidentemente non esiste, ma è un rischio che non possiamo non  correre - ha spiegato l’infettivologo genovese - Sono sette mesi che le scuole sono chiuse. Da sempre il rischio zero a scuola non esiste. Non è esistito con l’influenza, con il meningococco, con il morbillo e con molte altre malattie infettive contagiose. Il rischio zero non esiste ma è calcolato come in tutte le altre attività, in tutto il resto del mondo».

Per Bassetti erano necessarie «regole molto precise, e invece oggi ognuna fa come gli pare, le decisioni che stanno prendendo le scuole poco hanno a che vedere con la scienza e con l’evidenza della letteratura». Citando i provvedimenti presi all’estero per tornare sui banchi, il direttore della clinica Malattie Infettive del San Martino è duro: «Questa di oggi è la stessa scuola dove per 30 anni non ci si è preoccupati se i bambini fossero vaccinati per la varicella, morbillo, pertosse? La stessa scuola dove fino alla legge Lorenzin avevamo il 20% o più dei bambini che andavano a scuola non coperti dal vaccino per il morbillo, che può essere una malattia devastante; la stessa scuola dove non è stata mai prevista alcuna vaccinazione antinfluenzale per i ragazzi?  La stessa scuola che oggi si pone il problema del Covid».

Inutile, per Bassetti, alternare una settimana a scuola e una a casa con la didattica a distanza, o «bloccare le macchinette dei distributori automatici a scuola.  Se vengono usate le mascherine (non durante le lezioni) dov’è il problema di fare la ricreazione, di entrare a scuola assieme. Che differenza c’è?».

«I ragazzi vanno al supermercato, negli autobus e negli altri luoghi di aggregazione - conclude - Sento dire che hanno tutti paura ma, per esempio, che  copertura vaccinale ha il corpo scolastico per le varie Malattie infettive prevenibili da vaccino?»

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Genoa, cinque nuovi acquisti per Maran

  • Violenza sessuale in ospedale, ausiliario approfitta di una paziente in anestesia

  • Coronavirus, caso positivo al Liceti di Rapallo, classe in quarantena

  • 'Boom' di accessi ai pronto soccorso, ambulanze ferme al Galliera

  • Covid-19, Bassetti: «Con questo virus conviveremo per i prossimi anni»

  • Coronavirus: aumento di casi nel centro storico di Genova, ma nessun cluster

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento