Coronavirus, al San Martino il reparto Malattie Infettive è covid-free

Le due persone ricoverate sono state dimesse: i numeri dell'emergenza al Policlinico

A oltre 4 mesi dall'inizio della pandemia di coronavirus in Liguria, il reparto Malattie Infettive del Policlinico San Martino è ufficialmente covid-free.

La notizia arriva direttamente dall'ospedale, che ha annunciato che gli ultimi due pazienti ricoverati in Malattie Infettive sono stati dimessi. Da giovedì mattina, dunque, il San Martino non ha più in carico persone positive alla covid-19 nel reparto del professor Matteo Bassetti. In totale sono stati 136 i giorni consecutivi di attività emergenziale, visto che il primo paziente è stato ricoverato il 24 febbraio.

Coronavirus, i numeri dell'emergenza al San Martino

Della struttura di Patologia Complesse sono stati utilizzati per la degenza dei pazienti il piano -1, -2 di Malattie Infettive e successivamente anche il piano +1 della struttura.

Durante l’emergenza hanno operato in reparto 22 medici (21 dirigenti medici + direttore), 9 specializzandi, 72 infermieri e 8 oss, e durante il picco emergenziale, il team del professor Bassetti ha lavorato 15 ore consecutive, per un totale di 14 giorni consecutivi.

Il paziente più giovane ricoverato aveva 27 anni, il più vecchio 90 anni, la degenza più lunga è stata di 78 giorni, e in totale sono stati ricoverati 315 pazienti, di cui 220 uomini e 95 donne. Il paziente più distante proveniva dal Cile.

Oltre 10mila i pasti che, durante l’emergenza, sono stati consegnati al reparto di Malattie Infettive da parte di privati e di tante realtà commerciali dell’intera regione.

«Con oggi si chiude un’esperienza unica, personale e collettiva – ha detto il direttore generale del Policlinico Giovanni Ucci - un evento drammatico ed imprevedibile che ha impegnato il San Martino e tutto il sistema sanitario ligure a fronteggiare la pandemia Covid-19. Dagli inizi del lock-down con la costituzione a San Martino della cabina di regia che si è riunita a mezzogiorno, tutti i giorni, festivi compresi, per rispondere alle pressanti esigenze delle prime settimane, quando le ambulanze si allineavano davanti al nostro Pronto Soccorso. La pressante necessità di individuare percorsi sicuri, ampliare la capacità delle terapie intensive, aprire nuovi reparti Covid, con le Malattie Infettive sempre nel ruolo di ‘pivot’. Un grande gioco di squadra che ha visto coinvolte tutte le strutture, i professionisti e il personale di ogni ordine e grado, che ringrazio per la grande disponibilità e profonda abnegazione. San Martino in questa emergenza ha dato il meglio di se e i risultati ci sono stati ampiamente riconosciuti, anche in maniera tangibile dal diffuso e concreto supporto ricevuto. Ora l’impegno è a riprendere quanto prima le attività correnti ma preparandosi con cura ad una possibile ripresa epidemica autunnale».

«Il reparto di Malattie Infettive – ha spiegato Franca Martelli, direttore sanitario del Policlinico – era distribuito su 2 piani al Padiglione Patologie Complesse, il 16 aprile al piano +1 del Padiglione Patologie Complesse è stato aperto un reparto a gestione integrata infettivologica - oncologica/ematologica di 10 posti letto per accogliere pazienti oncologici e/o pazienti ematologici che avevano contratto l’infezione da Covid ma che non potevano differire i trattamenti antitumorali. Oggi, 9 luglio, viene dimesso l’ultimo paziente Covid guarito da Malattie Infettive dunque il reparto del Professor Bassetti torna a collocarsi su 2 piani (-1 e +1) e il reparto -2 – conclude la dottoressa Martelli – resta in stand-by nell’eventualità che sia necessario riattivarlo in caso di una possibile recrudescenza autunnale dell’infezione Covid».

«Abbiamo passato intere giornate insieme ed in alcuni momenti è stata durissima - ha aggiunto Matteo Bassetti, direttore della Clinica Malattie Infettive e Tropicali dell’Ospedale Policlinico San Martino -Il coronavirus ci ha insegnato quanto sia importante la multidisciplinarietà e l’unione delle forze. Questi quattro mesi di convivenza con i nostri pazienti affetti da covid hanno rinsaldato vecchi rapporti e ne hanno costruiti di nuovi. Oggi possiamo dire di essere una grande famiglia».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A mercoledì 8 luglio, i casi totali di coranivirus in Liguria erano 10.006, di cui 1.244 ancora positivi. Quelli ricoverati, perché con sintomi tali da necessitare di cure mediche in ospedale, erano 37, con una sola persona ricoverata in Terapia Intensiva all’ospedale di Sanremo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ex Rinascente, da ottobre arriva Axpo: inaugurazione con un omaggio a Genova

  • Schianto in sopraelevata, muore una ragazza di 28 anni

  • Elezioni regionali Liguria 2020, Toti oltre il 50%. Sansa: «Avventura finita»

  • Elezioni regionali, la mappa del voto a Genova

  • Un Premio Oscar a Genova: Helen Mirren pranza in una trattoria del centro

  • Coronavirus, individuato secondo cluster a Genova

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento