Coronavirus

Sospetta trombosi al San Martino, l'ospedale: «Non c'è correlazione con il vaccino»

Ricoverato un uomo di 34 anni che era stato vaccinato con Johnson & Johnson, il policlinico ha spiegato di aver terminato l’indagine per la ricerca degli anticorpi PF4, risultata negativa

In seguito alla notizia del ricovero per sospetta trombosi di un uomo di 34 anni che era stato vaccinato con Johnson & Johnson l'ospedale San Martino di Genova, attraverso una nota, ha spiegato di aver terminato l’indagine per la ricerca degli anticorpi anti PF4 (risultata negativa) e che quindi non esistono correlazioni tra il grave quadro clinico del paziente e la somministrazione del vaccino. 

Il 34enne era stato vaccinato con Johnson & Johnson il 5 giugno, e quando ha lamentato i sintomi si trovava nell’11esima giornata post-vaccinale. Durante le prime fasi del ricovero, accanto all’elemento distintivo del calo delle piastrine, si è manifestata una sindrome neurologica “trattata rapidamente e con successo dal nostro hub neuroradiologico”, aveva spiegato la direzione sanitaria del policlinico.

I sintomi erano molto simili a quelli riscontrati in Camilla Canepa, la 18enne di Sestri Levante morta lo scorso giovedì, e nella 34enne di Alassio ancora ricoverata e in miglioramento: entrambe avevano lamentato mal di testa e spossatezza accompagnati a un calo di piastrine.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sospetta trombosi al San Martino, l'ospedale: «Non c'è correlazione con il vaccino»

GenovaToday è in caricamento