Coronavirus

Riapertura discoteche, anche Bassetti firma il protocollo nazionale: le linee guida

L’infettivologo genovese ha lavorato al documento elaborato Associazione italiana imprese di intrattenimento: si aspetta il via libera del Cts

Mascherina indossata per entrare (poi facoltativa) e green pass che attesti la vaccinazione contro il coronavirus o l’esecuzione di un tampone rapido antigenico effettuato massimo nelle 36-48 ore precedenti l’evento: sono le fondamenta del protocollo per la riapertura delle discoteche firmato dall’infettivologo Matteo Bassetti e da altri colleghi infettivologi.

Il protocollo è stato elaborato dell’Associazione italiana imprese di intrattenimento da ballo e spettacolo e ha ricevuto il via libera di Bassetti e, tra gli altri, Pier Luigi Lopalco, Antonio Cascio ed Enrico Alagna. Adesso dovrà passare il vaglio del Cts per capire se sarà sufficiente a far ripartire un settore chiuso da ormai un anno.

«I giovani non aspettano altro: l’arrivo della bella stagione, le discoteche, gli amici, un po’ di divertimento e tanta musica, nonostante la pandemia da coronavirus - ha fatto notare Bassetti - Un ritorno quasi alla normalità che, quest’anno più che mai, dovrà essere fatto in sicurezza, anche visti i precedenti».

La certificazione potrà essere presentata direttamente all’ingresso o con registrazione su sistemi digitali, e si aggiungerà ad altre misure come la sanificazione dei locali, l’utilizzo di materiali monouso e la tracciabilità attraverso l’acquisto dei biglietti online.

«Altri paesi lo hanno già fatto con successo. Ora tocca anche all’Italia per non rischiare di essere sempre gli ultimi - ha concluso l’infettivologo - I giovani hanno perso un anno di relazioni umane, sport e divertimento. Da padre, prima che da medico, voglio tornare a vedere i giovani sorridere e divertirsi. Io lavoro  tutti i giorni anche per loro affinché si possa tornare presto alla normalità’. Naturalmente è una grande responsabilità di tutti».

«L’Italia non può restare indietro e speriamo da Roma arrivi presto l'ok alla sua applicazione - ha aggiunto il governatore ligure, Giovanni Toti - Lo dobbiamo alle imprese di intrattenimento da ballo e spettacolo ferme da troppo tempo. E lo dobbiamo ai nostri giovani, che hanno pagato un caro prezzo con il lockdown. Voglio vedere i gestori dei locali ripartire al più presto. Voglio vedere i nostri giovani ballare e divertirsi. Voglio vedere il nostro Paese tornare a vivere».

Sempre la Silb-Fipe, l'associazione italiane imprese ed intrattenimento ha intanto selezionato due città - Milano e Gallipoli - per una sperimentazione: il 5 giugno a Gallipoli riaprirà il Praia, all’aperto, a Milano il Fabric, al chiuso. I clienti potranno entrare col green pass e all'uscita potranno sottoporsi a un nuovo tampone. Obiettivo, «ottenere discoteche Covid-free affinché i 2.800 locali al chiuso che non lavorano dallo scorso 23 febbraio perché ingiustamente additati come untori, possano aprire almeno in autunno».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riapertura discoteche, anche Bassetti firma il protocollo nazionale: le linee guida

GenovaToday è in caricamento