Coronavirus nelle case di riposo: il 40% è in situazione critica, in arrivo nuovo personale

Le residenze sanitarie protette sono il fronte più complesso, e con più vittime, nella lotta al covid-19. Sono arrivati intanto i risultati dei primi test sierologici, il 14% degli ospiti è entrato in contatto con il virus

Il 40% delle residenze sanitarie in Liguria si trova in una «situazione critica» a causa dell'epidemia da nuovo coronavirus. La preoccupante percentuale è stata confermata dall'assessore regionale alla Sanità, Sonia Viale, che ha annunciato che proprio mercoledì verrà firmata una nuova ordinanza regionale contenente nuove misure a supporto delle rsa liguri, al momento il fronte più complesso, e con più vittime, nella lotta al coronavirus.

I risultati dei primi test sierologici effettuati su ospiti e personale hanno consentito di elaborare alcune percentuali provvisorie: sottoposti a prelievi e analisi del sangue 2353 ospiti delle residenze, 330, e dunque il 14%, risultano essere entrati in contatto con il covid-19 e avere sviluppato i relativi anticorpi. Il che significa che sono o sono stati positivi, e che hanno quindi contratto il virus. Per quanto riguarda il personale, la percentuale è più bassa: su 1682 test sierologici effettuati, il 9% è entrato in contatto con il virus, circa 150 operatori, e tra loro si è già registrata una vittima, un operatore socio sanitario che lavorava nella residenza San Camillo di Genova, una delle strutture in cui la situazione è più complessa.

I risultati dei test sono tuttavia ancora troppo pochi per consentire un'elaborazione affidabile e fornire un quadro aggiornato dell'effettiva situazione nelle rsa. I numeri in Liguria parlano infatti di 12mila ospiti e 8mila operatori, per un totale di 20mila persone da sottoporre a test sierologico. E anche se Viale ha assicurato che il programma è partito ormai da qualche settimana, ci sono ancora residenze sanitarie protette i cui i test non sono stati effettuati, e migliaia di campioni ancora da elaborare.

Il numero dei contagi nelle case di riposo è però quello che incide di più sulla totalità dei positivi in Liguria, e soprattutto quello che incide maggiormente sui decessi: 793 a martedì sera, la maggior parte vittime anziane. 

Soltanto all'ospedale San Martino, come confermato anche dal direttore di Malattie Infettive, Matteo Bassetti, nelle ultime 6 settimane sono state trattate 140 persone di cui 39 tra i 71 e gli 80 anni, 28 tra gli 81 e i 90, 12 over 90. E i dati sui decessi confermano ciò che già si sapeva, e cioè che la percentuale di letalità dell'infezione e tanto più elevata quanto è alta l'età dei pazienti. Tra i pazienti del San Martino, 36 sono state le vittime nella fascia d'età che va dai 70 ai 100 anni, la metà delle quali avevano un'età compresa tra gli 81 e i 90 anni.

«A Pasquetta abbiamo lavorato per ottenere una mappatura della situazione nelle residenze sanitarie della nostra regione - ha detto l'assessore Viale martedì sera - la task force coordinata dal professor Ernesto Palummeri ha elaborato i dati e stiamo studiando un'implementazione delle azioni fatte dall'inizio della pandemia,nuova mizure che verranno autorizzate con ordinanza apposita». Saranno azioni a supporto di quanto fatto, ha aggiunto la vice presidente della Regione, sottolineandoi che «non ci sono misure di indagini su cosa non ha funzionato. Metteremo a disposizione delle residenze sanitarie personale formato ed esperto della materia, e Imperia arriveranno altri 9 infermieri, ci sembrava corretto visto che quella della ASl 1 è la zona più critica».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Le difficoltà derivano da un insieme di fattori, elaborati proprio dalla task force di Alisa. Il 40% delle rsa liguri viene considerato in situazione sulla base del numero dei decessi, dei casi positivi e anche della carenza di dispositivi, ma «avendo avuto grandi quantitativi di dispositivi grazie alla Regione e alla Protezione CIvile - ha concluso Viale - abbiamo effettuato una distribuzione importante alle rsa di tutta la regione sia di mascherine sia di camici».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in sopraelevata, muore una ragazza di 28 anni

  • Elezioni regionali Liguria 2020, Toti oltre il 50%. Sansa: «Avventura finita»

  • Schianto in Sopraelevata, choc per la morte di Ginevra: «Ciao angelo»

  • Elezioni regionali, la mappa del voto a Genova

  • Un Premio Oscar a Genova: Helen Mirren pranza in una trattoria del centro

  • Elezioni, prende forma il nuovo consiglio regionale: i nomi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento