Coronavirus, record ospedalizzati. E in via Venti tutti a fare le 'vasche'

«Servono serietà e responsabilità. Stiamo giocando una partita troppo importante, per la nostra salute e anche per la nostra economia, e l'esito dipende da noi, non dimentichiamolo». Così il presidente della Regione, Giovanni Toti

Sabato 14 novembre il presidente della Regione, Giovanni Toti, nel consueto aggiornamento sulla situazione covid nella nostra regione, ha provato a fare leva sulle feste di Natale per convincere i liguri a rispettare le regole ore e stare il più possibile a casa, evitando incontri nell'ottica di fare calare la curva dei contagi e permettere così alla regione di uscire dall'area arancione e poter così trascorrere delle Feste con minori restrizioni.

«Nelle nostre strade oggi (sabato 14 novembre ndr.) si sono viste molte persone a passeggiare - ha detto Toti -. È giusto andare a comprare nei negozi, ma non a fare lo struscio, passeggiare con gli amici come se nulla fosse. Il nostro obiettivo, in queste 2 settimane, deve essere tornare fuori dalla zona arancione, rientrare nella gialla, o in una situazione il più possibile vicino alla normalità: per farlo sono necessari attenzione, rigore, serietà, senso di responsabilità e sono necessari adesso. ll contagio sta rallentando, l’Rt sta scendendo, è necessario essere seri e attenti ora».

«I numeri di oggi confermano il trend, l’Rt va calando su tutta la nostra regione, in particolar modo a Genova dove sono state prese misure anche prima di quelle stabilite dal Governo - aggiunge Toti -. La pressione sui nostri ospedali è in lieve calo, cominciano le prime dimissioni e ad arrivare meno persone nei pronti soccorso. In ogni caso, il mio appello resta quello di recarvisi solo in caso di assoluta necessità».

«Abbiamo per fortuna solo 28 pazienti in più nelle nostre corsie. Il numero complessivo dei ricoverati è però molto alto, non si erano toccati questi livelli neppure durante la prima ondata - ha ricordato il governatore -. Scende il numero dei ricoverati in terapia intensiva, ma è necessario ricordare come, rispetto alla prima ondata, registriamo in questo momento circa la metà dei ricoveri in terapia intensiva».

«Sono purtroppo tanti anche oggi i deceduti, un numero dolorosamente atteso visto il numero dei ricoverati e la diffusione del virus nelle scorse settimane. Nonostante il miglioramento delle capacità di cura e il lavoro gigantesco di tuti gli operatori qualcuno purtroppo non riesce a superare la malattia. Anche oggi gran parte dei decessi riguardano persone over 75, cioè persone che rientrano nella fascia più fragile della popolazione. Per questo il mio appello per queste persone è quello di stare il più possibile a casa, fare movimento ma in luoghi isolati e andare ad acquistare negli orari in cui ci sono meno persone, oltre a quello di ricorrere a tutte le agevolazioni e le iniziative messe in campo da Regione Liguria per proteggere questa fascia di popolazione, dai voucher taxi all'iniziativa 'Sconti&Sicurezza dai 65 anni'», conclude il governatore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ferrari distrutta per Marchetti mentre si allena a Pegli

  • Covid, firmato il nuovo dpcm: spostamenti, asporto e scuola, cosa prevede

  • La Liguria torna in zona gialla, ma si attende il nuovo (e più severo) dpcm: cosa si sa

  • Liguria in zona arancione con i nuovi parametri: cosa cambia

  • Il genovese "Fotografo dei Puffi" conquista i social: «Così faccio conoscere la Liguria con fantasia e ironia»

  • Liguria gialla o arancione da domenica, attesa per la nuova ordinanza

Torna su
GenovaToday è in caricamento