menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ragazzo di 26 anni trovato morto in casa, da giorni aveva la febbre alta

Il giovane è stato trovato nel suo appartamento di via Bertora, traversa di via Assarotti. Il medico aveva chiesto un tampone per capire se potesse essere stato contagiato dal coronavirus

Un ragazzo di 26 anni è stato trovato morto giovedì mattina nella sua casa di via Bertora, traversa di via Assarotti, nel centro città. 

Stando a quanto si apprende, il giovane (che soffriva di una malattia cronica) da qualche giorno aveva la febbre alta, e il suo medico di famiglia aveva chiesto che fosse effettuato un tampone per accertare un eventuale contagio da coronavirus, che non è però stato fatto in tempo.

Dalle prime informazioni pare che il 25enne soffrisse una malattia cronica, e che da circa 4 giorni avesse, appunto, febbre alta e sintomi che avevano spinto il medico curante a richiedere un test.

Sul posto giovedì mattina sono intervenuti i sanitari del 118 in assetto covid - tute, mascherina e tutte le protezioni necessarie - e i poliziotti del commissariato Centro. Per accertare le cause della morte, e per capire se effettivamente ci sia stato un contagio, bisognerà aspettare l'autopsia e il tampone sulla salma.

L'Asl3 con una nota comunica che: «Con riferimento al tragico evento relativo al ragazzo deceduto questa mattina a Genova e per il quale dalle prime notizie è emerso che sarebbe stato chiesto il tampone orofaringeo, Asl3 Genova specifica quanto segue nel rispetto della persona e sottolineando la vicinanza alla famiglia colpita dal grave lutto.

Dopo aver eseguito le opportune verifiche, l’Ufficio Igiene e Sanità Pubblica Asl3, struttura incaricata e competente in materie per l’area metropolitana, comunica che a tale servizio non risultano pervenute richieste di effettuazione diagnostica molecolare con tampone rino-orofaringeo per ricerca Covid19 a domicilio.

Si ritiene altresì utile sottolineare che in caso di sintomi di febbre alta e perdurante, le procedure prevedono che si debba contattare il numero di emergenza dedicato 112».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento