menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Raccolta rifiuti per cittadini in quarantena: 5.000 utenze nelle liste di Amiu

Le persone isolate e impossibilitate a uscire di casa perché positive o perché contatti di positivi devono necessariamente chiedere il servizio di ritiro dall'azienda dei rifiuti: «Accorceremo i tempi»

Il servizio dedicato di raccolta e smaltimento dei rifiuti per i cittadini costretti in casa dalla quarantena è stata al centro della discussione oggi in consiglio comunale.

I consiglieri Campanella (FdI) e Fontana (Lega) hanno chiesto chiarimenti sul servizio che Amiu ha predisposto per ritirare i rifiuti delle persone impossibilitate a muoversi di casa, che a oggi, stando alle liste presentate al Comune, sono tra le 5 e le 6mila. E che nei prossimi giorni verrà potenziato, accorciando i tempi, per evitare che rifiuti deperibile o potenzialmente rischiosi restino nelle case troppo a lungo.

«Questo servizio, esente da Tari, viene dato da Amiu da molto tempo, anche nel periodo di lockdown - ha spiegato l’assessore Matteo Campora - è un servizio importante da fornire a cittadini positivi o comunque in quarantena, e occorrerebbe fornirlo ogni due tre giorni. Per erogarlo, la Asl manda gli elenchi delle persone in quarantena al Comune e alla Protezione Civile, che li manda ad Amiu. Dal 25 settembre a oggi Amiu ha ricevuto 14 note, e ogni nota ha un numero che varia dai 1.100 ai 2.000 utenti. Amiu attiva le utenze e consegna i contenitori a domicilio, fornendo poi un servizio di ritiro». 

Campora ha confermato che a oggi le utenze segnalate, secondo quanto comunicato da Asl alla Protezione Civile, sono tra le 5 e le 6mila, numero, spiega ancora, che deve essere ridimensionato via via che le persone entrano ed escono dagli elenchi: «È un servizio essenziale, e se ci sono casi in cui non ha dato risposte in maniera precisa o nei tempi prestabiliti, è giusto segnalarlo - ha concluso l’assessore - Si sta cercando di diminuire sempre di più i giorni di ritiro perché non tutti hanno il terrazzo fuori o case ampie, e ci sono nuclei familiari abbastanza numerosi che accumulano parecchi rifiuti».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento