menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Canoa, surf e windsurf: la Lega propone il via libera in fase 2

La Lega ha depositato due ordini del giorno per autorizzare in Liguria le pratiche di pesca subacquea in apnea, nonché di surf, windsurf, paddle board, kayak o canoa individuale

La Liguria punta a sbloccare altri settori nelle prime settimane di maggio. «Vorremmo consentire alle persone dello stesso nucleo familiare di andare in barca, e chi vive nei piccoli comuni che non hanno supermercati sul loro territorio di lasciare il comune per andare a fare acquisti in negozi più convenienti, come anche di spostarsi in macchina per andare a fare sport in un parco», ha detto il presidente della Regione, Giovanni Toti.

«Il nostro obiettivo - prosegue Toti - è valutare attentamente i dati delle prime due settimane di maggio e, se tutto continuerà ad andare in questa direzione, ragioneremo con grande attenzione e con grande prudenza di anticipare l'apertura di parrucchieri e servizi alla persona, ovviamente applicando regole serie per la tutela delle persone - spiega Toti - come anche ragioneremo di far ripartire in anticipo i ristoranti, che potranno lavorare utilizzando maggiori porzioni di suolo pubblico, mettendo tavoli a distanza e dotando i camerieri di mascherine e usando tutte le misure e le precauzioni del caso. Stesso discorso poi per gli stabilimenti balneari, che dovranno lavorare in totale sicurezza».

Ma le riaperture potrebbero riguardare altre attività. Per il consigliere regionale Alessandro Puggioni (Lega) «in mare, come sott'acqua, non c'è pericolo di contagio. Pertanto - ha dichiarato Puggioni -, ho chiesto alla giunta regionale di far ripartire il prima possibile quelle determinate attività sportive e ricreative che si possono svolgere singolarmente, mantenendo in ogni caso le distanze interpersonali in piena sicurezza».

«In tal senso - ha spiegato Puggioni - ho depositato due ordini del giorno per autorizzare in Liguria le pratiche di pesca subacquea in apnea, nonché di surf, windsurf, paddle board, kayak o canoa individuale e, comunque, che la giunta regionale si attivi presso il Governo centrale affinché tali attività e lo svolgimento della produzione e vendita di articoli ad esse destinate siano consentite quanto prima».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

La Liguria entra in zona arancione: cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento