Coronavirus, positivi bloccati all’imbarco dei traghetti: rafforzati i controlli alle frontiere

La Polmare ha fermato cinque persone che si stavano imbarcando pur positivi al coronavirus. Attiva anche una banca dati nazionale finalizzata a tenere traccia dei positivi

Anche le forze dell’ordine genovesi, nei giorni scorsi, hanno sfruttato la sezione della banca dati nazionale Sdi dedicata al coronavirus, finalizzata a tenere traccia delle persone positive al coronavirus e impedire che possano violare la quarantena, magari per uscire dal paese, come è successo nei giorni scorsi a Genova.

La Polmare tra il 7 e il 9 ottobre ha infatti sanzionato 5 persone che hanno tentato di imbarcarsi su un traghetto, e che risultavano positive al coronavirus: «I controlli della polizia di stato si concentrano alle frontiere per evitare che persone positive possano uscire dal territorio - confermano dalla Questura - Se una persona è positiva c’è una disposizione per cui viene segnalata e inserita in una banca dati interforze, di modo che questo dato sensibile venga registrato e si possa prendere provvedimenti nel caso in cui una persona decida di uscire di casa o dal paese».

Le forze dell’ordine, intanto, hanno iniziato a staccare le sanzioni per la violazione del dpcm. Tra la fine di settembre e inizi ottobre sono stati sanzioni dalla Polizia Ferroviaria tre ventenni in stazione senza mascherina, altre due sanzioni sono arrivate dall’Upg, altre 5 persone sono state sanzionate in corso Perrone, all’uscita di un locale notturno. 

I controlli hanno riguardato inoltre, da metà settembre, zone considerate “a rischio” per assembramenti come l’Arena di Albaro, i distributori h24 di piazza Raibetta e via Gramsci e poi Corso Italia, Quinto, Nervi: nessuna sanzione è staccata in questi casi. Presidio continuo anche nel centro storico, dove anche l’esercito è impiegato per controllare l’osservanza delle norme.

Sul fronte scuole e giovanissimi, le forze dell’ordine si stanno concentrando in un’opera di dissuasione e sensibilizzazione nelle fasce serali e pomeridiane e di controllo all’apertura e all’uscita: i licei D'Oria, King, San Giovanni Battista di Sestri, Nino Cervetto di Cornigliano, Majorana e Montale di via Timavo sono quelli attenzionati.

 Sul fronte movida, oltre ai vicoli restano sorvegliate speciali una parte di corso Italia, i giardini di Quinto (dove in estate sono stati più volte segnalati assembramenti), piazza Piccapietra e Spianata Castelletto.

«I ragazzi sono rispettosi - ha confermato Ambra Formicola, dirigente dell’Upg della Questura - a scuola rispettano il distanziamento sociale e gli ingressi scaglionati e indossano la mascherina». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, possibile "mini lockdown" in tutta Genova: «I contagi crescono ovunque»

  • Bassetti: «In ospedale al primo sintomo influenzale per la paura che è stata trasmessa»

  • Covid, tutta Genova diventa zona "ad alta attenzione": firmata la nuova ordinanza

  • Auto pirata travolge gruppo di giovani a Quezzi, 4 feriti gravi tra cui una ragazza incinta

  • Incidente a Quezzi, arrestato il pirata della strada

  • Covid, coprifuoco a Genova dalle 21 alle 6: ecco cosa si può (e non si può) fare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento