Coronavirus, Borrelli: «Credo anche primo maggio a casa»

Il capo della Protezione civile è intervenuto su Radio Uno e ha espresso il suo punto di visto su quello che ci aspetta e quanto durerà l'isolamento. «Ancora per molte settimane», secondo Borrelli

Una delle domande più ricorrenti in questi giorni nelle case degli italiani è per quanto durerà questa situazione e non potremo uscire, se non per motivi di necessità. Pasqua e Pasquetta, ormai lo sappiamo, saranno ancora fra le mura domestiche. E poi?

Questa mattina il capo della Protezione civile, Angelo Borrelli è intervenuto su Radio Uno e a lui è stato rivolto proprio questo quesito. «Purtroppo sì, dobbiamo stare in casa ancora per molte settimane, credo anche il primo maggio - ha detto Borrelli -. Non credo che questa situazione così impegnativa passerà per quella data. Dovremmo essere rigorosissimi e credo cambierà il nostro approccio ai contatti umani e interpersonali, dovremo mantenere le distanze».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«L'acceso agli ospedali e alle terapie intensive non sta crescendo - ha spiegato il capo della Protezione civile -. I numeri parlano chiaro, cresce anche il numero dei positivi che sono a casa, in terapia intensiva ci si arriva facendo un percorso che parte da un ricovero con sintomi e questi numeri diminuiscono. E questo significa che si sta fronteggiando la malattia. Il Sud regge ma bisogna assolutamente essere prudenti, evitare di uscire di casa e seguire alla lettera le indicazioni che sono state date».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, possibile "mini lockdown" in tutta Genova: «I contagi crescono ovunque»

  • Bassetti: «In ospedale al primo sintomo influenzale per la paura che è stata trasmessa»

  • Auto pirata travolge gruppo di giovani a Quezzi, 4 feriti gravi tra cui una ragazza incinta

  • Covid, nuove regole in Liguria: alle superiori lezioni a casa a rotazione, "coprifuoco" in 4 zone di Genova

  • Incidente a Quezzi, arrestato il pirata della strada

  • Covid, il coprifuoco per frenare il contagio: cosa succede nelle zone rosse. Ospedali in affanno

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento