Al San Martino una casella di posta elettronica per inviare messaggi ai propri cari ricoverati

Un modo per abbattere i muri e accorciare le distanze, facendo sentire i pazienti meno soli: il messaggio verrà stampato e recapitato nelle stanze

Anche la lontananza e l'isolamento incidono sulla ripresa delle persone ricoverate in ospedale per covid-19, e l'ospedale San Martino, che ha già avviato la sperimentazione del parto in diretta streaming per mamme e papà e delle visite via tablet per limitare al massimo i contatti, ha deciso di destinare un indirizzo di posta elettronica solo ai messaggi che i parenti dei ricoverati vogliono inviare ai loro cari.

La casella dedicata risponde all'indirizzo postapaziente@hsanmartino.it: chi desidera inviare un messaggio deve scrivere nella mail cognome, nome e anno di nascita del paziente a cui è destinato, e non appena sarà ricevuto dall’Unità Operativa della Qualità sarà inoltrato ai reparti di riferimento. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il messaggio verrà quindi stampato e consegnato al paziente, che potrà leggerlo e conservarlo, e farsi forza nel leggere le parole di chi è a casa e aspetta il suo ritorno: «Abbiamo il dovere di abbattere questi muri di silenzi contro i quali questa emergenza ci ha costretti a sbattere ogni giorno la faccia - spiega il dottor Gianni Orengo, responsabile dell'Unità Operativa della Qualità - Dopo i tablet, che stiamo destinando a più reparti possibili, proviamo a venire incontro alla cittadinanza e ai malati con quest'altra possibilità. Abbiamo toccato con mano quanto il contatto, benché a distanza, dia sollievo ai nostri ricoverati, e dunque, per quanto nelle nostre possibilità, proveremo a studiarne altre».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, possibile "mini lockdown" in tutta Genova: «I contagi crescono ovunque»

  • Covid, tutta Genova diventa zona "ad alta attenzione": firmata la nuova ordinanza

  • Auto pirata travolge gruppo di giovani a Quezzi, 4 feriti gravi tra cui una ragazza incinta

  • Incidente a Quezzi, arrestato il pirata della strada

  • Covid, coprifuoco a Genova dalle 21 alle 6: ecco cosa si può (e non si può) fare

  • Le bucano le gomme perché lesbica, lo sfogo dell'infermiera Camilla

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento