Ordinanza covid, chiusi circoli e società operaie: «Uno stop alla solidarietà»

Il rammarico di Andrea Brina, presidente della Società operaia cattolica San Bartolomeo della Certosa. Soc equiparate ai distributori h24 e alle sale da bingo

Lega la catena al cancello, il presidente: «Chiusi per un mese, come i distributori h24». C'è rammarico nelle parole di Andrea Brina, presidente della Società operaia cattolica di San Bartolomeo della Certosa.

La sua Soc, come i circoli Arci o Auser, è finita nell'elenco delle attività chiuse dalla nuova ordinanza in vigore nelle "zone rosse" della città. Negli ultimi giorni a Sampierdarena, Cornigliano e Centro Storico si è registrato un balzo dei contagi da covid-19. 

Ma questi luoghi, messi nell'elenco insieme alle sale giochi, ai distributori h24 e alle sale da bingo o scommesse, sono anche stati gli ultimi a riaprire lo scorso giugno, al termine della prima ondata di coronavirus.

Con l'obiettivo di far trascorrere un'estate in sicurezza ai soci, le strutture di mutuo soccorso si sono dotate a proprie spese di disinfettanti, mascherine e hanno anche ridisegnato gli spazi e i posti a sedere nel rispetto delle regole e del distanziamento.

«Siamo stati per molte famiglie, in questa estate di mancanza di centri estivi e oratori, un polmone di salvezza dove passare qualche ora spensierata in giardino», racconta il presidente. «Abbiamo segnato le presenze di tutte le persone che hanno frequentato in questi mesi i nostri locali per comunicare in caso di covid, il prima possibile all'Asl  il possibile cluster e non abbiamo mai avuto un positivo».

Un luogo di accoglienza e incontro per il quartiere, dove sperimentare la solidarietà e il servizio: «Seguiamo 150 famiglie in difficoltà, le nostre socie hanno raccolto e riordinato vestiti usati da bambini - continua Andrea Brina - Da giovedì su appuntamento, con tutti gli accorgimenti del caso eravamo pronti a consegnarli».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Comprensibile per il presidente la chiusura alle 21 per evitare assembramenti ma ingiustificata la chiusura tutto il giorno per un mese: «La nostra Soc è stata fondata nel 1881, il prossimo anno faremo 140 anni di storia e mutualismo, abbiamo superato guerre e altre pandemie - continua Brina - Cosa volete che siano 30 giorni di chiusura, ma siamo stati equiparati - con tutto rispetto - agli h24 e - con meno rispetto - alle sale scommesse e bingo, avete tracciato strade, vie, confini ma soprattutto avete dimostrato di non conoscere quello che in realtà facciamo interrompendo contatti, aiuti, socialità».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bassetti: «In ospedale al primo sintomo influenzale per la paura che è stata trasmessa»

  • Auto pirata travolge gruppo di giovani a Quezzi, 4 feriti gravi tra cui una ragazza incinta

  • Coronavirus, possibile "mini lockdown" in tutta Genova: «I contagi crescono ovunque»

  • Covid, nuove regole in Liguria: alle superiori lezioni a casa a rotazione, "coprifuoco" in 4 zone di Genova

  • Incidente a Quezzi, arrestato il pirata della strada

  • Covid, il coprifuoco per frenare il contagio: cosa succede nelle zone rosse. Ospedali in affanno

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento