Coronavirus

Coronavirus, prende forma la nave-ospedale ormeggiata in porto

La Msc Splendid potrà ospitare inizialmente 25 persone che hanno bisogno di dimissioni protette dall'ospedale o di poter trascorrere in isolamento il periodo di quarantena

Tanto inverosimile quanto brillante, nella sua concezione: trasformare una nave in una struttura in cui ospitare persone affette da coronavirus, ormai guarite ma ancora positive e dunque potenzialmente contagiose, o chi deve trascorrere il periodo di isolamento in un luogo sicuro e assistito perché anche lui pontenzialmente contagioso.

La nave in questi giorni è ormeggiata alla Stazione Marittima, e martedì pomeriggio il governatore ligure Giovanni Toti vi ha effettuato un sopralluogo: «Operai a lavoro, senza sosta, per trasformare la Gnv Splendid  in un luogo che ospiterà, già nei prossimi giorni, le degenze post ospedaliere dei nostri malati di coronavirus - ha scritto - In mezzo a milioni di parole a noi piacciono i fatti. Sono l'unica cosa che conta. Grazie al gruppo Msc che anche in questo momento si dimostra vicino alla Liguria e a Genova, come già aveva fatto in passato». 

Della nave-ospedale, la Regione aveva iniziato a parlare la settimana scorsa, e in questi giorni i lavoro sono andati avanti velocemente. La Msc Splendid diventerà a tutti gli effetti una struttura sanitaria che inizialmente potrà ospitare 25 persone in altrettante cabine attrezzate dove chi lascia l'ospedale e ha bisogno di dimissioni protette, o chi deve trascorrere il periodo di isolamento potrà farlo assistito da personale medico e infermieristico.

Il personale specializzato sarà composto, stando a quanto trapelato sino a oggi, da 6 medici, 15 infermieri, 12 operatori socio-sanitari e 2 assistenti sanitari.I pasti per i degenti e per il personale sanitario verranno preparati dai cuochi della nave che seguiranno le indicazioni dei dietologi della Asl 3.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, prende forma la nave-ospedale ormeggiata in porto

GenovaToday è in caricamento