Venerdì, 24 Settembre 2021
Coronavirus

Lockdown natalizio, i centri estetici restano chiusi: «Decisione incomprensibile»

Il comparto wellness e cura della persona punta il dito contro la scelta del governo di escluderli dalle attività che possono tenere aperto

Parrucchieri e barbieri restano aperti, i centri estetici no: la decisione del governo per questo Natale in lockdown fa infuriare i titolari di centri e istituti wellness e cura della persona, esclusi dall’elenco di attività che possono restare aperte anche in zona rossa perché ritenute essenziali.

«Ci appare incomprensibile la decisione del governo di chiudere i centri estetici - è lo sfogo della responsabile di Cna Benessere e Sanità Genova, Sara Piazze - Dopo un anno di difficoltà le imprese confidavano nei giorni di festa, periodo tradizionalmente intenso per il settore, ma si trovano di fronte a un provvedimento di cui non si comprendono le ragioni. Speriamo in un ripensamento». 

L’alternativa alla riapertura restano «adeguati ristori. Abbiamo garantito la massima sicurezza per noi e per i clienti. L’esclusione - proseguono dal Una - così come quella di altri servizi alla persona, risulta priva di motivazioni oggettive e appare frutto più di una scarsa conoscenza del modo in cui queste attività vengono ordinariamente svolte che non di una scelta ponderata che tenga conto dell’effettivo rischio di contagio».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lockdown natalizio, i centri estetici restano chiusi: «Decisione incomprensibile»

GenovaToday è in caricamento