Controlli e sanzioni: dal giovane innamorato multato per la seconda volta all'ubriaco molesto

Proseguono i controlli della Polizia: multata anche una donna milanese sorpresa a spasso a Sestri Ponente

Ancora controlli a tappeto e multe da parte della Polizia per chi non osserva le regole anti-contagio da coronavirus a Genova. Diverse le sanzioni nella giorbata di giovedì 16 aprile 2020.

Da Milano a Sestri Ponente

Multa intorno alle 10 del mattino in via Sestri per una 48enne italiana fermata dai poliziotti del Commissariato locale che le hanno chiesto quale situazione di necessità o urgenza giustificasse la sua presenza in un luogo così distante dal suo indirizzo di residenza che, come la stessa ha riferito, risulta essere in centro a Milano. La donna, una 48enne italiana, ha cercato di convincere gli operatori dicendo che si doveva recare presso gli uffici dell’Inps che si trovano lungo la via. Alla richiesta di mostrare una ricevuta che lo comprovasse o anche solo un messaggio, visto che gli uffici pubblici dall’inizio dell’emergenza sanitaria ricevono solo previo appuntamento, la donna ha ammesso di non averne mai fissato uno ed è scattata la multa.

«Vado dalla fidanzata», seconda multa per un 23enne

Intorno alle 16 alcuni poliziotti hanno invece notato un 23enne genovese in via Cabella. Il giovane ha cercato di aumentare il passo dopo aver visto la volante della Polizia che transitava lungo la via. Immediatamente fermato ha ammesso di essere consapevole di non avere motivi urgenti e necessari per uscire dalla propria abitazione situata in un altro quartiere, ma semplicemente doveva recarsi dalla propria fidanzata. Dai controlli è emerso che il giovane, un 23enne genovese, era già stato sanzionato lo scorso 23 marzo per lo stesso motivo.

«Stiamo solo facendo un giro al parco», tre multe

Poco dopo al Parco urbano del Peralto una volante della polizia ha invece fermato un’autovettura con a bordo tre  cittadini rumeni, di età compresa tra i 23 e 31 anni e lontani dalle proprie residenze oltre 10 chilometri. I giovani hanno dichiarato semplicemente “siamo andati a fare un giro”. Tutti con precedenti di polizia sono stati sanzionati per l’inosservanza delle misure di contenimento del virus Covid-19.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ubriaco in via Cantore: «Sono andato in centro a bere due birre»

Alle ore 22.30 in via Cantore, infine, un 34enne ecuadoriano è stato sorpreso ubriaco mentre scendeva barcollando da un autobus lasciando dietro di sé una forte scia di alcol. Agli agenti del Commissariato Cornigliano che lo hanno fermato per un controllo ha dichiarato muovendosi in maniera confusa che, dopo aver finito di lavorare alle 19 è andato in centro a bere “solo un paio di birre”. Doppia sanzione: ubriachezza molesta e inottemperanza alle norme anti contagio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, possibile "mini lockdown" in tutta Genova: «I contagi crescono ovunque»

  • Covid, tutta Genova diventa zona "ad alta attenzione": firmata la nuova ordinanza

  • Auto pirata travolge gruppo di giovani a Quezzi, 4 feriti gravi tra cui una ragazza incinta

  • Incidente a Quezzi, arrestato il pirata della strada

  • Covid, coprifuoco a Genova dalle 21 alle 6: ecco cosa si può (e non si può) fare

  • Pronto soccorso in affanno, troppi accessi per sintomi lievi: «Sbagliato, ecco quando dovete venire»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento