Coronavirus, dopo il convegno in Senato Bassetti tuona: «Non chiamatemi negozionista»

L’infettivologo genovese punta il dito contro chi lo ha criticato per avere preso parte al convegno dei negazionismi che si è tenuto lunedì in Senato

«Non chiamatemi negazionista»: così Matteo Bassetti, infertivologo genovese e direttore della clinica Malattie Infettive del San Martino, risponde a chi lo critica o lo definisce “negazionista” per avere partecipato al convegno dei negazionismi, appunto, che si è tenuto lunedì in Senato, organizzato dal senatore leghista Armando Siri.

Del convegno nelle ultime ore si è parlato parecchio, complici le frasi tanto criticate pronunciate da Andrea Bocelli («Mi sono sentito umiliato e offeso perché non potevo uscire da casa», ha detto il tenore), ma la presenza di Bassetti non è sfuggita. E così da Facebook, il giorno dopo, lui replica.

«Sono veramente schifato da leggere sui quotidiani che, per avere partecipato al convegno in Senato di ieri, sono stato definito “negazionista”», ha scritto Bassetti, sottolineando l’impegno profuso durante l’emergenza: «Io che ho passato negli ultimi 5 mesi centinaia di ore ad assistere i malati Covid in ospedale e fuori ( 1500 in totale), che ho avuto l’onore e l’onere di essere capitano del “dream-team” del Policlinico San Martino sul Covid, che ho coordinato un gruppo di ricerca che ha prodotto 20 articoli scientifici sui vari aspetti diagnostici e clinici in soli 3 mesi, che ho sperimentato nuovi farmaci e potrei continuare ancora a elencare altri attività cliniche svolte sul tema».

Bassetti ha quindi preso le distanze da alcune (non precisate) frasi pronunciate in Senato durante il convegno: «Quello che è stato detto e fatto da alcune persone invitate ieri in Senato, personalmente non lo condivido - ha detto, per poi lanciare una stoccata ad alcuni colleghi: «Hanno avuto il coraggio di definire me e altri, solo perché invitati ieri in Senato, anti-scientifici. È probabile che uno di loro, essendo ormai vicino alla pensione, non abbia né empo né voglia di leggere la letteratura scientifica. Se guardasse le pubblicazioni in pubmed digitando “Bassetti M” avrebbe un’idea diversa e magari imparerebbe qualcosa».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ferrari distrutta per Marchetti mentre si allena a Pegli

  • La Liguria torna in zona gialla, ma si attende il nuovo (e più severo) dpcm: cosa si sa

  • Covid, firmato il nuovo dpcm: spostamenti, asporto e scuola, cosa prevede

  • Covid, la ricerca delle università di Genova, Okinawa e Francia: «Il distanziamento non basta»

  • Liguria in zona arancione con i nuovi parametri: cosa cambia

  • Il genovese "Fotografo dei Puffi" conquista i social: «Così faccio conoscere la Liguria con fantasia e ironia»

Torna su
GenovaToday è in caricamento