Matteo Bassetti coordinerà il gruppo di lavoro su gestione pazienti covid per il Ministero della Salute

La nomina dall'Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

«Sono stato nominato dall'Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali cordinatore scientifico di un gruppo di lavoro per la gestione del paziente covid-19 per il ministero della Salute. Insieme a insigni colleghi dovremo stilare i protocolli per la gestione ospedaliera dei pazienti covid+».

Ad annunciarlo è Matteo Bassetti, direttore della clinica di Malattie infettive dell'ospedale San Martino di Genova e componente della task force covid-19 della Liguria, postando su Facebook il documento che istituisce il gruppo, firmato dal direttore dell'Agenas Domenico Mantoan.

«Sono onorato dell'incarico che svolgerò, come ho sempre fatto, con rigore scientifico e spirito di servizio per il sistema sanitario nazionale. Un grazie particolare - aggiunge Bassetti - al vice ministro Pierpaolo Sileri che ha fortemente voluto questo gruppo di lavoro. Inoltre insieme ai medici di medicina generale genovesi abbiamo sviluppato un protocollo condiviso tra ospedale e territorio per la gestione a casa dei pazienti con il Covid che non hanno necessità di ricovero in ospedale. Abbiamo provato a fare ordine su quali e quando usare le varie terapie. Fatti e non parole».

Proprio in queste settimane il medico ha presentato il suo libro, "Una lezione da non dimenticare - Cronaca della battaglia per sconfiggere il Covid-19 senza panico né catastrofismo" (Cairo Editore e scritto con Martina Maltagliati). «È un libro scritto in estate nel mio tempo libero, che uso come mi pare. Non ho perso un minuto di lavoro - precisa Bassetti ad AdnKronos -. Ritenevo giusto scrivere per tutti, io che fino ad oggi ho scritto libri scientifici solo per i colleghi. Racconta del sangue freddo, della calma e di come serva non farsi prendere dalla paura di non farcela in momenti davvero complicati. È proprio questo il messaggio che voglio far arrivare al lettore". L'infettivologo, divenuto nei mesi anche un volto noto delle tv, ammette che «non c'è nulla di male a scrivere un libro, è un esercizio della mente, il problema è quando è un brutto libro e non un buon libro come questo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ruba smartphone a mamma con neonato sul bus, poi la prende a pugni

  • Coronavirus, da domenica la Liguria torna in zona gialla

  • È arrivata la neve: le foto

  • A 116 km orari in corso Europa: patente ritirata e maxi multa

  • Perdono entrambi i genitori nel giro di un anno: mobilitazione per aiutare due fratelli di Quezzi

  • Il proverbio di Santa Bibiana, che "prevede" il meteo

Torna su
GenovaToday è in caricamento