Dalla Cina al San Martino: consegnate le 50mila mascherine donate alla Liguria

Le protezioni sono arrivate giovedì mattina da Malpensa, grazie alla compagnia di spedizione Cosco. Nei prossimi giorni dovrebbero arrivare un milione di kit

Sono state consegnate giovedì, grazie alla compagnia di navigazione Cosco che le ha fatte arrivare a Malpensa dalla Cina, le 50mila mascherine donate e destinate agli operatori sanitari che lavorano negli ospedali liguri per far fronte all’emergenza coronavirus.

«Ringrazio gli amici cinesi e la Cosco, una compagnia di navigazione che lavora molto con i nostri porti e i suoi soci italiani per questo regalo alla città di Genova e alla Liguria - ha detto il governatore ligure, che in mattinata era in piazza De Ferrari ad accogliere il carico - Questa è una delle prime forniture che arriva dalla Cina e sono molto lieto che il fatto di avere rapporti consolidati con quel paese ci ha portato un aiuto vitale per la sanità ligure». 

Le mascherine sono state portate dalla Protezione civile regionale a Genova, e da lì al centro di smistamento del Policlinico San Martino di Genova da dove verranno dirottate su tutti gli ospedali liguri.

«Le mascherine Ffp2, che sono indispensabili per chi lavora nei reparti degli ospedali, sarebbero scarseggiate da oggi se non fosse arrivato questo carico - ha detto Toti -  Grazie al lavoro di queste persone la Liguria farà produrre mascherine in Cina e nei prossimi giorni saremo in grado di avere forniture autosufficienti per l’intera regione e non solo per il personale sanitario».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si tratta ella prima donazione a cui seguirà l’arrivo, nei prossimi giorni, di 1 milione di kit di autoprotezione per garantire i servizi pubblici essenziali e la macchina delle cure per chi contrae il virus: una volta arrivate e smistate al personale sanitario, secondo priorità, inizierà la consegna a chi lavora ed è a contatto col pubblico e poi alla popolazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ex Rinascente, da ottobre arriva Axpo: inaugurazione con un omaggio a Genova

  • Elezioni regionali Liguria 2020, Toti oltre il 50%. Sansa: «Avventura finita»

  • Violenza sessuale in ospedale, ausiliario approfitta di una paziente in anestesia

  • Elezioni regionali, la mappa del voto a Genova

  • Coronavirus, individuato secondo cluster a Genova

  • Pré, donna accasciata a terra nel sangue: altro weekend di violenza in centro storico

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento