Coronavirus

«Non saremo cavie»: nuova protesta dei sanitari contro l'obbligo vaccinale a De Ferrari

Proclamato lo sciopero nazionale, i manifestanti protestano contro l'obbligatorietà del vaccino prevista per i lavoratori della sanità

Nuova manifestazione di protesta in piazza De Ferrari del sindacato Cub contro l'obbligo vaccinale per i lavoratori della sanità.

I manifestanti si sono dati appuntamento sotto il palazzo della Regione per ribadire quanto già detto lo scorso 30 aprile: “Senza libertà di scelta non c’è democrazia, non saremo cavie”, e ancora "Ma quale Stato ma quale Dio, sul mio corpo decido io" e "I sanitari sono solo i primi, ma non saranno gli ultimi".

Il riferimento è all’obbligo per i lavoratori della sanità, istituito dal decreto legge anti coronavirus, di vaccinarsi contro il covid: l’alternativa è il demansionamento (a un’attività che non comporti contatto con il pubblico) o la sospensione dal lavoro, senza stipendio, sino al 31 dicembre. Per chi aderisce alla manifestazione, si tratta di un “ricatto vaccinale”, che costringe i lavoratori a sottoporsi al vaccino pena la perdita del lavoro.

Proprio nei giorni scorsi ai lavoratori sono arrivate le lettere che richiamano proprio la normativa, e il Cub Sanità, oltre ad aderire allo sciopero nazionale proclamato per oggi, ha organizzato una nuova giornata di protesta chiedendo, tra le altre cose, di «difendere e prorogare il blocco dei licenziamenti anche dopo la riapertura, impedire che il decreto legge sia definitivamente approvato, non senza inserire ammortizzatori sociali che garantiscano almeno l’80% dello stipendio per gli operatori eventualmente lasciati a casa».

Il sindacato punta inoltre il dito contro quella che definisce «un sistema sanitario nazionale devastato quasi al 50% privato, dove la salute viene intesa come una merce e non come un diritto», e chiede di «ricostruire la sanità territoriale, cancellare il numero chiuso dalle università, statalizzare la ricerca».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Non saremo cavie»: nuova protesta dei sanitari contro l'obbligo vaccinale a De Ferrari

GenovaToday è in caricamento