rotate-mobile
Coronavirus

Covid: ospedalizzati in calo, Liguria verso zona bianca

I colori delle regioni resteranno in vigore fino alla fine di marzo, quando cesserà lo stato di emergenza

Per passare dalla zona gialla a quella bianca l'occupazione nei reparti di terapia intensiva deve essere al di sotto del 10%, nei reparti ordinari del 15%, l'incidenza non deve sforare i 50 casi settimanali ogni centomila abitanti. Al momento l'occupazione delle terapie intensive in Liguria è al 7% mentre in area non critica è al 16%, dunque solo un punto percentuale sopra la soglia per il cambio di colore.

"Oggi (giovedì 3 marzo ndr.) il numero dei ricoverati in ospedale in Liguria è sceso sotto quota 300 - ha commentato il presidente della Regione Giovanni Toti -: in un mese questo indicatore è sceso di 431 unità. Sono infatti 296 i posti letto occupati, di cui 15 in terapia intensiva: si tratta di numeri che proiettano la Liguria verso la zona bianca e una decisa e rapida contrazione della pandemia nel nostro territorio. Sarà comunque il ministero a definire il colore in base ai numeri delle ultime due settimane. Anche l'incidenza continua la sua discesa, riducendosi di un sesto in poco più di un mese: era a 2.703 casi ogni 100mila abitanti a settimana il 23 gennaio scorso, oggi è a quota 440".

"In un mese - aggiunge Toti - il numero totale dei positivi è sceso di 34.261 unità, passando dai 47.576 del 3 febbraio ai 13.315 di oggi, un altro dato particolarmente incoraggiante e che è legato a doppio filo alla grandiosa campagna vaccinale portata avanti in oltre un anno dalla Liguria. Grazie ai vaccini siamo riusciti a evitare le restrizioni e le chiusure della prima ondata, a salvare molte vite ed evitare sovraccarichi eccessivi negli ospedali".

"Nelle ultime 2 settimane - conclude Toti - sono state 2.785 le prime dosi somministrare nella nostra regione, di cui 1.019 a persone over 50. Un risultato a cui ha contribuito il nuovo vaccino proteico Novavax, giunto in Liguria domenica scorsa: a oggi sono 612 i prenotati, per questo vaccino, e 327 le persone a cui è stato già somministrato. Per quanto riguarda invece la 4° dose per i soggetti immunodepressi i prenotati sono 103 e 35 le persone che hanno ricevuto questo ulteriore booster".

Intanto continuano i controlli della polizia locale volti a verificare il rispetto delle normative anti covid in tutta Genova. In particolare, giovedì 3 marzo sono state elevate tre sanzioni a persone, che non indossavano la mascherina.

Trasferimento del punto tamponi da Villa Quartara all'ospedale Gaslini

Visti i dati confortanti della discesa della diffusione del virus l'istituto Gaslini ritiene non più necessario mantenere attiva la sede del servizio tamponi di Villa Quartara a Genova Quarto a supporto del percorso scuola rivolto ad alunni e personale scolastico. Da martedì 8 marzo l'istituto Gaslini riprenderà a offrire il servizio di tamponi gratuiti, percorso scuola presso l'ospedale, nella tensostruttura sul piazzale antistante il padiglione 20 (tendone covid presso ospedale di Giorno, uscita nord dell'ospedale), negli stessi orari e modalità di prenotazione attuali.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid: ospedalizzati in calo, Liguria verso zona bianca

GenovaToday è in caricamento