Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Coronavirus

Insegnante deceduta dopo il vaccino, saranno donati gli organi

La donna, una insegnante, era stata vaccinata con AstraZeneca lo scorso 22 marzo

I familiari della ragazza di 32 anni deceduta hanno acconsentito alla donazione degli organi. Lo comunica l'ospedale San Martino. In precedenza la direzione del Policlinico aveva fatto sapere che era iniziata alle 9.44 l’osservazione di 6 ore per la conferma di stato di morte cerebrale per la paziente di 32 anni ricoverata in Rianimazione. La donna, una insegnante, era stata vaccinata con AstraZeneca lo scorso 22 marzo, il 2 aprile ha cominciato a stare male ed è stata portata al Pronto Soccorso dell'ospedale genovese, dove era stata ricoverata. 

La paziente aveva un quadro trombotico ed emorragico cerebrale «La direzione del Policlinico - si legge in una nota - ha attivato le previste segnalazioni nell'ambito delle procedure di farmacovigilanza verso Aifa».

«Difficile - aveva dichiarato il presidente della Regione durante una diretta sui suoi canali social - dire se vi sia un collegamento (col vaccino ndr.), può essere pura casualità, può essere un paziente predisposto, può essere nulla, faranno indagini i nostri sanitari e vedremo cosa ci diranno nelle prossime ore. Ho parlato con tutti al San Martino, sono tutti impegnati a ricostruire perfettamente e ad analizzare il fenomeno. Il 22 marzo è parecchio tempo passato ma in questi casi è opportuno approfondire tutto fino in fondo».

Nelle ultime ore l'Olanda ha sospeso tutte le somministrazioni del vaccino Astrazeneca fino al 7 aprile e l'agenzia francese per il farmaco (Asnm) ha registrato altri tre casi di trombosi in localizzazione 'atipica' dopo la somministrazione del vaccino AstraZeneca. In Gran Bretagna, su oltre 18 milioni di persone che hanno ricevuto almeno una dose di vaccino AstraZeneca, vi sono stati sette casi di persone morte per trombosi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Insegnante deceduta dopo il vaccino, saranno donati gli organi

GenovaToday è in caricamento