Immuni, in Liguria scaricata da meno del 20% della popolazione

Il Ministero della Salute ha diffuso i dati dei download dell'app per il tracciamento dei contagi: salgono, più o meno, in tutta Italia, ma la nostra regione non è più tra le più virtuose

Aumentano i download di Immuni in tutta Italia, seppur non con il picco auspicato dal governo. L’app per il tracciamento dei contagi, in Italia, al 31 ottobre era stata scaricata da 9,5 milioni di persone, con solo 6 regioni, però, in cui è stata superata la soglia del 20% della popolazione.

La Liguria non è tra le più virtuose, anche se a scaricare Immuni è stato il 18,3 % dei cittadini. A superare la soglia del 20% sono state Lombardia /20,1%) - che a inizio settembre aveva invece numeri più bassi della Liguria - Emilia Romagna (22,3%), Lazio (21,7%), Toscana (21,8%), Umbria (20,7%), Abruzzo (21,5%) e Valle D’Aosta (20%). 

Tra le Regioni in cui i download sono invece rimasti a livelli bassi ci sono la Sicilia (12,5%), la Calabria (12,2%), la Campania (13,3%) e il Molise (14,9%).

Rispetto a due mesi fa, quando la seconda ondata non era ancora deflagrata, la situazione è dunque cambiata: in Liguria Immuni era stata scaricata dal 12,4% della popolazione, rientrando tra le Regioni in cui era stata scaricata di più. Meglio, ai primi di settembre, solo Bolzano (15,1%), Emilia Romagna (13,3%) e Abruzzo. In Veneto e Lombardia, regioni più colpite dal coronavirus, l’app Immuni era stata scaricata soltanto, rispettivamente, dal 10,7 e dal 10,8% della popolazione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al San Martino, trovato morto paziente allontanatosi dal reparto

  • Ruba smartphone a mamma con neonato sul bus, poi la prende a pugni

  • Coronavirus, da domenica la Liguria torna in zona gialla

  • Liguria verso zona gialla, ma gli spostamenti fuori regione restano in forse

  • Perdono entrambi i genitori nel giro di un anno: mobilitazione per aiutare due fratelli di Quezzi

  • Antiche tradizioni: cos'è il "ragno genovese"?

Torna su
GenovaToday è in caricamento