menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, Bassetti: «Su asintomatici, tamponi e quarantena stiamo sbagliando»

L’infettivologo interviene su un altro argomento molto dibattuto in questi giorni: lasciare o meno in quarantena anche per diverse settimane i guariti che hanno tampone con bassissima carica virale? 

È giusto tenere persone ormai guarite dal coronavirus in quarantena anche se il tampone risulta positivo? È questo il nuovo argomento oggetto di dibattito nella comunità scientifica (e non solo), dopo che l’Oms ha dettato nuove linee guida che prevedono che tre giorni senza sintomi (inclusi febbre e problemi respiratori) siano sufficienti per considerare una persona non solo guarita, ma anche non più contagiosa. 

L’annuncio dell’Oms non ha mancato di suscitare dibattito: da un lato chi preme per la linea della prudenza (anche all’interno della stessa Oms, come Ranieri Guerra, direttore aggiunto dell'Oms e membro del Comitato tecnico-scientifico), dall’altra chi sposa la linea della flessibilità. Tra loro anche Matteo Bassetti, direttore della clinica Malattie Infettive del San Martino, secondo cui «per quel che riguarda la gestione degli asintomatici e degli ormai famosi tamponi ho paura che stiamo sbagliando molto. Forse troppo o quasi tutto».

«In Lombardia il 50% dei tamponi sono oggi “debolmente positivi” ovvero con una carica virale talmente bassa che i soggetti non sono contagiosi. Lo stesso sta avvenendo in Veneto - chiarisce Bassetti - L’Oms afferma che dopo 3 giorni dalla scomparsa dei sintomi per i sintomatici e 10 giorni per gli asintomatici, anche se positivi per il virus SarsCoV2 per molte settimane, non sono più contagiosi e quindi non sono in grado di trasmettere il virus a un'altra persona. Eppure stiamo continuando ad isolare a casa o negli ospedale tutti quelli con tamponi positivi, anche quelli con bassissima carica».

Per l’infettivologo genovese «occorre rivedere rapidamente queste misure che stanno ingessando l’Italia, bloccando pazienti e cittadini negli ospedali e a casa. Stiamo misurando l’efficienza dei sistemi sanitari sulla base del numero di tamponi fatti. Ma chi lo ha stabilito? Quale è l’evidenza scientifica che sei bravo solo se fai 10000 tamponi?».

«Solo da un confronto scientifico costruttivo tra istituzioni italiane con quelle europee, oltre che con l’ Oms - conclude Bassetti - potremmo uscire da questa situazione, che ha contorni imbarazzanti. Rimettiamo al centro della gestione del Covid medicina pratica ed evidenza scientifica».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento