Tornano i giornali nei bar e le carte nei circoli: la nuova ordinanza della Regione

Firmata un’ordinanza che consente di tornare a leggere riviste e quotidiani nelle sale d’attesa degli esercizi pubblici e di giocare nei luoghi in cui è concesso. Rivista anche la capienza dei teatri all’aperto

Tornano i giornali nei bar e nei saloni di bellezza, e i mazzi di carte nei circoli ricreativi. La Regione Liguri ha infatti adottato formalmente le linee guida già tracciate dalla Conferenza delle Regioni sulla riapertura delle attività economiche, produttive e ricreative, consentendo il gioco delle carte negli spazi comuni e la lettura di riviste e quotidiani in luoghi come bar, ristoranti, strutture ricettive in generale e anche nei saloni di parrucchieri e barbieri.

«Stiamo anche rivedendo le capienze dei teatri, soprattutto quelli all’aperto», ha detto il governatore ligure, Giovanni Toti, confermando la “liberazione” del gioco delle carte e la presenza dei giornali nei bar. Tutto nel rispetto delle linee guida, e dunque igienizzazione delle mani e mascherina indossata.

La specifica sulle mascherine riguarda in particolare i circoli ricreativi, visto che negli altri luoghi è già obbligatorio indossare la protezione. Sempre nei circoli ricreativi, per tornare a giocare a burraco o a briscola, sarà necessario igienizzare di frequente le superfici di gioco e rispettare la distanza di almeno un metro tra i giocatori dello stesso tavolo e tra tavoli adiacenti. Consigliata, inoltre, la sostituzione frequente dei mazzi di carte. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al San Martino, trovato morto paziente allontanatosi dal reparto

  • Ruba smartphone a mamma con neonato sul bus, poi la prende a pugni

  • Coronavirus, da domenica la Liguria torna in zona gialla

  • Liguria verso zona gialla, ma gli spostamenti fuori regione restano in forse

  • Perdono entrambi i genitori nel giro di un anno: mobilitazione per aiutare due fratelli di Quezzi

  • Antiche tradizioni: cos'è il "ragno genovese"?

Torna su
GenovaToday è in caricamento