Accesso differenziato al pronto soccorso e posti letto riservati al covid: così il Galliera torna alla normalità

L'ospedale ha presentato il piano concordato con Alisa per ripartire con quelle attività che si erano fermate durante l'emergenza coronavirus

Anche l’ospedale Galliera ha presentato il piano di ripresa delle attività post emergenza sanitaria coronavirus. Il piano concordato con Alisa, come confermato anche dall’assessore alla Sanità, Sonia Viale, prevede di tornare gradualmente alla normalità mantenendo però una serie di posti letto che garantiscano il ritorno a un assetto “covid” nel giro di poche ore.

Nello specifico, sono 84 i posti letto covid dedicati di Media Intensità, 12 le terapie intensive, che potranno risalire in caso di necessità, nell’arco delle 72 ore, rispettivamente a 90 e a 16.

Il Galliera si appresta intanto a riattivare due aree chirurgiche dedicate alla chirurgia maxillo-facciale, alla chirurgia vascolare, all’ortopedia delle articolazioni e alla neurochirurgia relativamente all’attività sulla colonna vertebrale, alla chirurgia generale, all’urologia e alla ginecologia.

Per garantire la possibilità di ricoverare pazienti non covid provenienti dal pronto soccorso verrà inoltre riattivata un’area di medicina interna.

Con l’obiettivo di garantire la massima sicurezza ai pazienti che necessitano anche di ricovero urgente, sono poi in fase di completamento due percorsi differenziati di pronto Soccorso, che a partire dall’unico pre-triage indirizzeranno i pazienti a due aree “tampone” separate, una per coloro che sono affetti da covid o sospetti e una per pazienti non covid.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sono in fase di attivazione, infine, tutti gli interventi atti a ripristinare le attività rivolte ai pazienti ambulatoriali esterni (visite, esami, etc.) le cui prestazioni saranno erogate dal 15 giugno. Continueranno a essere assicurate le prestazioni che con carattere di indifferibilità sono identificate con le priorità U e B, a oggi sempre garantite.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ex Rinascente, da ottobre arriva Axpo: inaugurazione con un omaggio a Genova

  • Elezioni regionali Liguria 2020, Toti oltre il 50%. Sansa: «Avventura finita»

  • Elezioni regionali, la mappa del voto a Genova

  • Coronavirus, individuato secondo cluster a Genova

  • Pré, donna accasciata a terra nel sangue: altro weekend di violenza in centro storico

  • Elezioni, prende forma il nuovo consiglio regionale: i nomi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento