Covid, pronti primi posti letto nel padiglione C del Galliera

La Protezione Civile al lavoro negli spazi da tempo inutilizzati, obiettivo aumentare la capacità di ricovero degli ospedali cittadini

Pronti i primi 25 nuovi posti letto ricavati nel padiglione C dell’ospedale Galliera, per lungo tempo inutilizzato e ora recuperato per aumentare la capacità di ricoveri dell’ospedale di Carignano e in generale di quelli cittadini. 

I volontari della Protezione Civile stanno concludendo i lavori al quinto piano, e proseguiranno poi con il senso, per un totale di 50 posti letto per cura di pazienti a bassa intensità attivi entro la fine della prossima settimana.

«I posti letto resteranno fissi in attesa di conoscere quale sarà l'andamento dell'epidemia - ha detto il presidente della Regione, Giovanni Toti - se in futuro dovesse ripresentarsi, al di là del calo di queste ore, questi posti saranno a disposizione per una risposta immediata e che abbia meno impatto possibile sulle altre specialità mediche».

«Questa mattina i nostri volontari hanno scaricato tutto il necessario al Galliera - spiega l'assessore alla Protezione civile Giacomo Giampedrone - Da oggi si inizia a montare il reparto. Stiamo collaborando con la struttura tecnica del Galliera: forniamo tutto ciò che serve per arredare le stanze, i letti, il mobilio, materiale nuovo che arriva dalla colonna mobile della protezione civile regionale, lo stesso con cui abbiamo attrezzato l'ex ospedale militare Falcomatà della Spezia. Le attrezzature tecniche e mediche verranno fornite invece direttamente dal Galliera. Coordiniamo il tavolo di lavoro che porta ad aprire il questo piano, poi la gestione verrà affidata totalmente al comparto sanitario».

«Oggi abbiamo effettuato questo sopralluogo al padiglione C dell’Ospedale Galliera - ha aggiunto il direttore generale del Galliera Adriano Lagostena - che è in fase di riattivazione è sarà dedicato ai pazienti a bassa e bassissima assistenza, cioè persone che, dimesse in questo caso dal Galliera, hanno ancora bisogno di assistenza, non più per acuti ma continuativa. In questo momento è in corso il montaggio degli arredi e delle suppellettili in modo che appena avremo il personale disponibile sarà prontamente attivato. Stiamo lavorando anche sul sesto piano dove c’è un’intensa attività di verifica su tutta la situazione impiantistica».

Sul fronte posti letto, la Regione ha allestito anche 100 posti letto nel Best Western del Porto Antico per pazienti a bassissima intensità, che potranno essere aumentati a 150.  I posti letto fanno parte del "pacchetto" da 270 posti gestiti dalla protezione civile: 100 sono nella struttura già attiva di Albisola nel savonese, dove ci sono anche 26 posti di media intensità,  i restanti sono divisi nelle 3 strutture spezzine, di cui due già attive, il Falcomatà e il Luna Blu, e una pronta a partire, l’istituto delle Suore Madri Pie.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente di caccia a Bolzaneto: muore 58enne colpito per errore

  • Travolta da uno scooter a Sant'Eusebio, muore in ospedale: «Ciao Ale»

  • Tragedia al San Martino, trovato morto paziente allontanatosi dal reparto

  • A passeggio dopo il coprifuoco: «Stiamo tornando a casa dopo una festa con amici». Multati

  • Morta in un incidente, raccolta fondi per la famiglia di Alessandra Parente: donati gli organi

  • Albaro: festa di compleanno notturna a Villa Gambaro, i residenti chiamano la polizia

Torna su
GenovaToday è in caricamento