Sansa in quarantena per covid, segnalato per violazione: «Uscito perché mi era scappato il cane»

L'ex candidato a presidente della Regione, oggi consigliere di opposizione e da qualche giorno a casa in isolamento perché il figlio è positivo al coronavirus, è stato segnalato alla procura

Ferruccio Sansa segnalato in procura per avere violato la quarantena cui è sottoposto da quando il figlio ha contratto il coronavirus.

A raccontarlo è lo stesso ex candidato alla presidenza della Regione in un post su Facebook in cui sottolinea (con una punta di ironia) che «in momenti come questo, in cui si teme che l'Italia vacilli sotto i colpi del Covid, arrivano invece conferme che lo Stato funziona. Non possiamo che rallegrarcene».

Sansa, stando a quanto raccontato sul social network, è stato sorpreso da alcuni agenti di polizia durante la notte, quando era fuori dalla sua abitazione per recuperare il cane fuggito durante la passeggiate serale:«Sono chiuso in casa da settimane perché nella mia famiglia ci siamo ammalati di covid. Per evitare di esporre altre persone al contagio avevo deciso da subito di non uscire di casa, perfino prima di sapere i risultati dei tamponi. Ho chiesto ai parenti di venire a prendermi la spazzatura. La spesa la ordino al supermercato. Qualche sera fa a mezzanotte il cane - appena preso al canile - manifesta inequivocabili esigenze fisiologiche. Lo accompagno nell'aiuola di casa per fargli fare la cacca. Il cane, che non era informato della quarantena, scappa perché casa nostra non ha un cancello. Lo chiamo, ma non si decide a rientrare. Allora guardo l'orologio, è mezzanotte. Non si vede nessuno nel raggio di centro metri (abitiamo in una strada che di notte è deserta), indosso lo stesso la mascherina FFP2, ed esco sulla porta di casa. Recupero il cane e gli metto il guinzaglio»

«In quel momento nel buio si avvicinano due persone, mi mostrano il distintivo della Polizia e mi dicono che stanno compiendo un sopralluogo per prevenire furti nelle case - prosegue Sansa - Racconto che non so niente di furti: "Da noi non sono venuti, siamo sempre in casa perché mio figlio è positivo al Covid... Anzi, per sicurezza mi stia lontano. Mi sono affacciato per colpa del cane che è scappato... ora mi scusi che devo rientrare... abito proprio qui", dico rientrando in casa. Insomma, sono io - senza che nessuno me lo avesse chiesto - a far presente di vivere con una persona positiva. A mantenere la distanza e a indossare la mascherina, nonostante al momento dei fatti risultassi negativo al tampone».

La conversazione è avvenuta a mezzanotte, sottolinea ancora Sansa, «nella strada deserta, a una distanza non superiore a tre metri dalla porta di casa mia. Risultato: oggi mi chiama la Polizia per avvertirmi che sono stato segnalato alla Procura per aver violato la quarantena. Sulla porta di casa. Senza che sul momento mi sia stato contestato nulla, né mi siano state richieste le generalità o qualsivoglia spiegazione. Il primo caso di persona che si autodenuncia nella storia del Covid. E poi dicono che lo Stato non funziona!»

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente di caccia a Bolzaneto: muore 58enne colpito per errore

  • Travolta da uno scooter a Sant'Eusebio, muore in ospedale: «Ciao Ale»

  • Tragedia al San Martino, trovato morto paziente allontanatosi dal reparto

  • A passeggio dopo il coprifuoco: «Stiamo tornando a casa dopo una festa con amici». Multati

  • Morta in un incidente, raccolta fondi per la famiglia di Alessandra Parente: donati gli organi

  • Liguria verso zona gialla, ma gli spostamenti fuori regione restano in forse

Torna su
GenovaToday è in caricamento