Coronavirus, Cgil: «Destinare un contributo ai lavoratori stagionali del turismo»

Alberghi e ristoranti a causa del lockdown non possono chiamare il personale stagionale che è rimasto senza stipendio

Destinare un contributo alle migliaia di lavoratrici e lavoratori stagionali del settore turismo della Liguria che in questo momento non stanno lavorando. È questa la richiesta avanzata da Federico Vesigna e Giovanni Bucchioni rispettivamente Segretario Generale Cgil Liguria e Segretario Filcams Cgil Liguria, nell’incontro di oggi con l’Assessore regionale Berrino.

«La situazione di emergenza sanitaria sta mettendo in ginocchio il settore del turismo: tutto il settore ricettivo è chiuso, alberghi e ristoranti a causa del lockdown non possono chiamare il personale stagionale che è rimasto senza stipendio - affermano i sindacalisti - occorre un contributo straordinario che la Regione deve affiancare ai 600 euro procapite stanziati dal Governo con il Cura Italia».

In questo momento, un contributo regionale che si affianchi ai 600 euro del Governo, sarebbe secondo il sindacato una boccata di ossigeno per tante famiglie, e dunque la Cgil propone di utilizzare le risorse del Patto per il Turismo siglato con le Organizzazioni sindacali confederali e di categoria nel febbraio 2018 e prorogato al maggio 2019. Il Patto prevedeva contributi alle imprese che assumono personale con contratti di almeno 8 mesi, in modo da poter dare la possibilità ai lavoratori di chiedere l’indennità di disoccupazione per i restanti mesi dell’anno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nelle precedenti edizioni del Patto la Regione aveva messo a disposizione 3 milioni di euro all’anno, cifra confermata anche per la seconda edizione. Non essendoci più le condizioni per una terza edizione del Patto, la richiesta della Cgil è di investire diversamente queste risorse e di utilizzarle per sostenere il reddito dei lavoratori stagionali del turismo che sono senza stipendio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in Sopraelevata, choc per la morte di Ginevra: «Ciao angelo»

  • Schianto in sopraelevata, muore una ragazza di 28 anni

  • Un Premio Oscar a Genova: Helen Mirren pranza in una trattoria del centro

  • Elezioni, prende forma il nuovo consiglio regionale: i nomi

  • Mascherina obbligatoria anche di giorno nel centro storico, Bucci: «Aumenteremo i controlli»

  • Il weekend a Genova e dintorni: Festa dello Sport, Fiera a Chiavari, Festa del Cane, ravioli e focaccette e tanto altro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento