menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus e numeri sottostimati, lunga scia di morti nel marzo 2020

Quanti sono davvero i morti per coronavirus? Il sospetto che i numeri ufficiali non rispecchino la realtà è stato sollevato da alcuni sindaci lombardi e Genova non sembra fare eccezione

A marzo 2019 sono morte più persone per malattie respiratorie rispetto a quelle certificate quest'anno per coronavirus. A dirlo è stato il presidente Istat, Gian Carlo Blangiardo, in un'intervista ad 'Avvenire' in cui ha spiegato come l'istituto stia cercando di vedere la parte sommersa dell'iceberg Covid. 

«Ci sono i morti da Covid e quelli colpiti indirettamente da Covid, che per un ingolfamento e la debolezza della struttura sanitaria non hanno potuto avere la cura dovuta», ha detto Blangiardo. Il sospetto che i dati ufficiali sulle vittime siano ampiamente sottostimati è stato lanciato da numerosi sindaci lombardi, fra i quali quello di Bergamo Giorgio Gori.

Genova non sembra fare eccezione. In provincia la situazione è meno lampante, stando ai dati pubblicati dall'Istat, che riguardano i comuni di Carasco, Cogoleto, Masone, Rapallo, Rossiglione e Serra Riccò. Qui la tavola completa. Ma nel capoluogo la differenza fra il numero di decessi nell'arco di marzo 2020 e lo stesso periodo del 2019 è significativa.

Nel marzo 2019 a Genova i decessi sono stati 846; quest'anno il numero sfiora le 1.300 persone. Finora l'Istat ha raccolto i dati di 1.084 comuni italiani relativi al periodo che va dall'1 al 21 marzo 2020 e, dal confronto col 2019, è emerso che in Italia sono raddoppiati i decessi, passando da 8.054 a 16.216. Per avere i dati definitivi di marzo 2020 bisognerà attendere, nella speranza che da qui ad allora l'emergenza si sia attenuata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento