Coronavirus, negozi aperti dall'11 maggio: la richiesta delle Regioni al governo

La Regione ha anche presentato le iniziative adottate a favore di cittadini e imprese dall'inizio dell'emergenza

Oggi, giovedì 7 maggio 2020, la Regione ha presentato le iniziative adottate a favore di cittadini e imprese dall'inizio dell'emergenza Covid-19 con uno stanziamento di oltre 100 milioni di euro. Il governatore Toti ha anche annunciato quali richieste le Regioni si apprestano ad avanzare al governo.

«La conferenza delle Regioni - ha spiegato il governatore - all'unanimità ha approvato un documento che chiede che fin da lunedì 11 maggio si possa riaprire il commercio al dettaglio e che dal 17 quando scadrà il dpcm firmato il 26 aprile scorso questa norma decada e venga totalmente attribuito alle regioni la responsabilità di elaborare un calendario completo di riaperture sin dal 18 maggio».

Le misure adottate dalla Regione sono rivolte a liberi professionisti e partite Iva, piccoli commercianti, botteghe dell'entroterra, imprese turistiche, lavoratori stagionali del turismo disoccupati, piccole-medie imprese, aziende che hanno riconvertito per produrre Dpi, start up, commercianti ambulanti, lavoratori in smart working o in cassa integrazione, artigiani, cooperative, famiglie, associazioni o società sportive e aziende agricole o ittiche.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente di caccia a Bolzaneto: muore 58enne colpito per errore

  • Travolta da uno scooter a Sant'Eusebio, muore in ospedale: «Ciao Ale»

  • All'asta le sneaker della Lidl. Anche mille euro per una taglia 38

  • Tragedia al San Martino, trovato morto paziente allontanatosi dal reparto

  • A passeggio dopo il coprifuoco: «Stiamo tornando a casa dopo una festa con amici». Multati

  • La risposta ligure alle scarpe della Lidl? Ci pensa il comico Andrea Di Marco con il Movimento Estremista Ligure

Torna su
GenovaToday è in caricamento