Coronavirus: il contagio frena, ma i morti continuano a salire. 500 persone in meno in sorveglianza

I positivi in Liguria sono 4539. Le persone in sorveglianza attiva scendono di parecchio, quelle positive che si stanno curando a casa sono  2375: numeri che spingono la Regione a pensare più concretamente a una riapertura

Cresce più lentamente il numero delle persone positive al coronavirus in Liguria, scendono i pazienti ricoverati negli ospedali e in terapia intensiva, ma i morti continuano, purtroppo, a salire.

A giovedì sera erano 4539 le persone positive al covid-19, 19 in più rispetto a martedì, e i decessi salgono a 828: altre 21 persone morte nelle ultime 24 ore. Aumentano anche i tamponi effettuati, 1152 processati nelle ultime 24 ore per un totale di 26.945 da inizio emergenza.

Le persone positive che si stanno curando a domicilio dimibuiscono leggermente - 2375 persone in totale - quelle ormai asintomatiche, ma ancora contagiose e dunque in isolamento, salgono a 1104. In aumento anche i guariti, 670 e dunque 63 in più rispetto a mercoledì
I guariti con 2 test consecutivi negativi sono 670 (63 più di ieri). 

Nella provincia di Genova resta il numero più alto di positivi, 2649 totali, cui segue Imperia (850 persone positive in tutta la provincia), poi Savona (564) e La Spezia (476)

Coronavirus, la situazione negli ospedali liguri

Scendono ancora i ricoveri negli ospedali: giovedì sera le persone ospedalizzate per infezione da coronavirus sono 1060, quelle in terapia intensiva 103, rispettivamente 16 e 17 meno di mercoledì.

•    Asl 1 – 170 (di cui 17 in terapia intensiva)
•    Asl 2 – 158 (di cui 14 in terapia intensiva)
•    San Martino– 263 (di cui 33 in terapia intensiva)
•    Evangelico – 53 (di cui 5 in terapia intensiva)
•    Ospedale Galliera – 127 (di cui 7 in terapia intensiva)
•    Gaslini – 4
•    Asl 3 Villa Scassi – 144 (di cui 12 in terapia intensiva)
•    Asl 3 Gallino Pontedecimo – 4
•    Asl 4 Sestri Levante– 48 (di cui 7 in terapia intensiva)
•    Asl 4 Lavagna - 1
•    Asl 5 – 88 (di cui 8 in terapia intensiva)

Scendono, e di parecchio, le persone in sorveglianza attiva, che mercoledì erano 3182 e giovedì sono 2663, così suddivise:

•    Asl 1 – 644
•    Asl 2 – 668 
•    Asl 3 – 649
•    Asl 4 – 312
•    Asl 5 – 390

La Procura apre un'indagine per epidemia colposa

Giovedì nel tardo pomeriggio si è appreso che la Procura di Genova ha aperto un'inchiesta, al momento a carico di ignoti, per epidemia colposa. Sarebbe stato individuato uno scostamento tra i dati dell'epidemia in sé e i dati dei morti e contagiati in questo mese e mezzo.

Sanità, assessore Viale: «Entro aprile torna l'offerta sanitaria ordinaria»

Entro fine aprile il sistema sanitario ligure darà "i primi segnali tangibili e concreti della ripresa dell'offerta sanitaria ordinaria" sconvolta dall'epidemia di cornavirus ragionando "in termini di sistema-di unico ospedale". È l'obiettivo indicato dall'assessore alla Sanità della Regione Liguria Sonia Viale stasera nel punto stampa sull'emergenza coronavirus. «Dobbiamo iniziare a riprendere l'offerta sanitaria - sottolinea Viale - ragionare in termini di sistema, di un unico grande ospedale. Entro fine mese riprenderemo le consuete attività».

La task force per la riapertura: «Non possiamo arrivare impreparati»

Proprio alla luce dei segnali incoraggianti, Toti sta iniziando a muovere i primi passi verso la cosiddetta "fase 2" e la riapertura graduale, in linea con il resto d'Italia, in vista del 3 maggio. 

Dopo l'ordinanza con cui ha consentito ai balneari di iniziare alcuni lavori di allestimento degli stabilimenti - anche se a oggi ancora non c'è una data di inizio certa della stagione - il governatore ligure ha annunciato l'istituzione di un tavolo tecnico con una task force scientifica, la stessa che ha guidato con Alisa lo sforzo di contrasto al virus, allargato a professionisti di altre specialità fornite dall'Università di Genova, così come Camera di Commercio, Regione Liguria, Iit e alcuni dei collaboratori delle aziende che hanno collaborato con il sindaco di Genova Marco Bucci alla realizzazione del nuovo ponte. 

«Nelle prossime ore stabiliremo la composizione di quel tavolo - ha detto Toti - che avrà il compito di codificare, mettere insieme ragionare sulle linee guida nazionali ma con un'applicazione locale, una serie di migliori pratiche da poter applicare via, via ai settori che riapriranno e anche ai comportamenti sociali che ne conseguiranno; è chiaro a tutti che la riapertura del mondo economico comporterà anche la necessità di adeguare il trasporto pubblico locale, abitudini, modalità ovviamente di uscita di casa e quant'altro».

Già nel pomeriggio di mercoledì si è svolta in Regione la video conferenza con le categorie economiche, gli ordini professionali, l’Università, le Camere di Commercio, le Autorità Portuali per un primo e ampio confronto su tutte le misure necessarie per passare alla fase 2: «Salvo una diversa determinazione del governo centrale, non possiamo permetterci di arrivare non preparati alla fase 2 - ha chiarito il presidente della Regione - chiaro che la riapertura del mondo economico porterà con sé la necessità di adeguare le modalità di uscita da casa nella massima sicurezza possibile».

Toti ha citato il modello olandese: accesso per fasce d'età ai supermercati, prolungamento dell'orario dei negozi per evitare assembramenti, calcoli sulla base della superficie dei locali. Tutte valutazioni, ha detto il governatore ligure, su cui si inizierà a lavorare concretamente nella prossime settimane.

Soddisfatto il sindaco Marco Bucci, che nei giorni precedenti a Pasqua aveva tuonato contro i genovesi e gli eccessivi spostamenti: «Devo dire con moderato piacere che i numeri di martedì, prima giornata lavorativa dopo il weekend pasquale, sono uguali a quelli di martedì scorso nonostante l'apertura di diverse posizioni lavorative - ha detto Bucci - anche se i numeri di martedì scorso erano superiori di circa il 10% rispetto a quello precedente. Il record per noi resta la settimana di marzo, in cui abbiamo avuto il minor numero di spostamenti dentro Genova, e questo dice parecchio»

Il fronte critico delle rsa

Le residenze sanitarie protette restano, in questi giorni, il fronte più complesso nella lotta al coronavirus. E mentre i Nas hanno aperto un'indagine su alcune strutture, e il Codacons chiede che venga fatta chiarezza sulle morti che vi sono state registrate, nel ponente sono entrati in servizio 8 medici della Protezione Civile nazionale in supporto. A oggi, come confermato anche dall'assessore regionale alla Sanità, Sonia Viale, solo il 60% delle residenze protette liguri è riuscito a contenere la diffusione del virus. Nel restante 40% la situazione è critica, e la conta dei morti continua a salire.

«Il presidente Toti ha firmato un’ordinanza per proseguire nelle azioni già attivate con le residenze sanitarie e che vengono ulteriormente implementate per preservare le Rsa Covid free e circoscrivere i casi complessi - ha detto Viae - Un’attenzione particolare sarà riservata all’area metropolitana e al levante. Il tutto attraverso la supervisione del geriatra Ernesto Pallumeri. In questo contesto i test sierologici che la nostra regione ha avviato tra le prime, potranno costituire un ulteriore supporto».

Tamponi sul personale sanitario

Mercoledì sono stati anche diffusi i primi dati sul risultati dei tamponi effettuati sul personale sanitario: su 3560 tamponi cui si sono sottoposti medici, infermieri e operatori socio-sanitari, il 2,72% sono positivi. 

«Si tratta di un numero ancora da valutare nel totale - ha concluso Viale - e che si accompagna a una serie di misure che sono state assunte rispetto al personale e alla popolazione».

Mascherine, prosegue la consegna via posta. Arrivato un carico per i dipendenti delle partecipate comunali

Continuano sul territorio ligure le operazioni di consegna del primo milione di mascherine chirurgiche acquistate in Cina dalla Regione per la distribuzione gratuita ai cittadini.

Poste Italiane, con cui la Regione ha stretto un accordo, ha iniziato la distribuzione il Venerdì Santo, e le consegne sono ricominciate dopo la pausa pasquale. In alcuni quartieri le confezioni - in ognuna sono presenti due mascherine - sono già state recapitate in cassetta, in altri ancora si attende, ma la previsione è di terminare le consegne in tutta la Liguria entro la fine di aprile.

«Ci rendiamo conto che ci sarà chi vive solo e avrà due mascherine - aveva detto a Genova Today l'assessore regionale alla Protezione Civile, Giacomo Giampedrone - e nuclei composti da più di due persone che non ne avranno una ciascuno, ma si tratta di un'iniziativa emergenziale che vuole garantire almeno una mascherina a tutti. Ovviamente è un inizio, e non va considerato risolutivo: se le mascherine diventeranno la prassi, come previsto nella fase 2 per la ripartenza, sarà necessario un piano nazionale per l'approvvigionamento regolare di mascherine o, in alternativa, bisognerà che le mascherine diventino un bene di largo consumo a prezzi adeguati. Sino ad allora non possiamo prevedere come Regione una specifica ordinanza che obblighi a indossarle, semplicemente perché non a tutti sono ancora garantire, e non a lungo termine. Infatti, chi ha adottato ordinanze di questo genere è stato poi costretto a tornare sui suoi passi consentendo di coprirsi la bocca con un foulard, che non è certo la stessa cosa».

Altre settantamila mascherine "chirurgiche" e 5 mila Ffp2 sono inoltre arrivate mercoledì 15 aprile a Genova dalla Cina, un primo carico di materiale sanitario, acquistato dalla protezione civile del Comune di Genova che sarà destinato ai dipendenti comunali che non possono usufruire del telelavoro nello svolgere i loro servizi essenziali. 

Le chirurgiche e i dispositivi di protezione individuale serviranno anche a coprire le esigenza di aziende come Amt, Aster, Amiu e delle altre partecipate comunali e, in particolare a chi lavora nei trasporti, nella raccolta rifiuti, ma anche gli addetti della polizia locale e nella protezione civile, oltre che ai volontari impegnati in molti servizi, tra i quali la consegna della spesa a domicilio. La distribuzione verrà gestita e coordinata dalla protezione civile del Comune di Genova.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Paola Cortellesi è Petra, l'ispettore genovese: «Il mio personaggio non fa la femminista, lo è»

  • Violenza sessuale in ospedale, ausiliario approfitta di una paziente in anestesia

  • Genoa, cinque nuovi acquisti per Maran

  • Coronavirus, caso positivo al Liceti di Rapallo, classe in quarantena

  • 'Boom' di accessi ai pronto soccorso, ambulanze ferme al Galliera

  • Covid-19, Bassetti: «Con questo virus conviveremo per i prossimi anni»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento