Coronavirus, oltre 400 sanzioni a Genova nel weekend delle Palme. Potenziati i controlli

In vista del weekend di Pasqua, le forze dell'ordine hanno schierato ancora più mezzi e personale per verificare la legittimità degli spostamenti

Si alza il livello di attenzione su strade e autostrade liguri all’inizio di una settimana che il governatore ligure Giovanni Toti ha definito “decisiva” nella lotta al nuovo coronavirus covid-19.

Il weekend delle Palme, infatti, è stato soltanto il banco di prova di quello che potrebbe rappresentare un rischio altissimo dal punto di vista degli spostamenti: quello di Pasqua. Le seconde case in Liguria, infatti, potrebbero rappresentare un’attrattiva per villeggianti provenienti da altre regioni che, violando le norme del dpcm, decidessero di lasciare le loro residenze per raggiungere le riviere in occasione del ponte pasquale. 

Nel primo fine settimana di aprile a Genova sono state centinaia le persone trovate a spasso senza validi motivi: soltanto domenica, la polizia Locale di Genova ha effettuato 722 controlli in città e sanzionato 70 persone. Sono stati controllati inoltre 59 esercizi commerciali. La Prefettura di Genova ha diffuso i dati relativi a sabato e a domenica, e le persone controllate sino state poco meno di 6.000, 834 le attività, 434 le sanzioni.

VIDEO | Coronavirus, aumentano in controlli: posti di blocco della Stradale ai caselli

La Regione, in coordinamento con la Prefettura e le forze dell’ordine, sta studiando un piano di potenziamento dei controlli su tutto il territorio, prevedendo più operatori e pattuglie a sorvegliare le zone a rischio assembramento e attivandosi con i sindaci dei vari Comuni, soprattutto quelli più turistici, per controllare le seconde case. La polizia Stradale, già a partire da lunedì mattina, ha organizzato un servizio speciale con l’impiego di cinque pattuglie coordinate dal Dirigente della Sezione di Genova, finalizzato a controllare il traffico all’altezza della barriera di Genova ovest.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Questa settimana che precede la Pasqua sarà decisiva per determinare l’andamento del contagio - ha detto il governatore ligure Giovanni Toti - non abbassiamo la guardia, restiamo a casa, rispettiamo le regole di distanziamento sociale. Diamo una mano concreta a medici, infermieri, operatori sanitari che lottano giorno e notte per vincere questa battaglia. A loro va la nostra gratitudine, per loro possiamo e dobbiamo fare qualche sacrificio: gli sforzi di oggi saranno la nostra ripartenza domani».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, possibile "mini lockdown" in tutta Genova: «I contagi crescono ovunque»

  • Bassetti: «In ospedale al primo sintomo influenzale per la paura che è stata trasmessa»

  • Auto pirata travolge gruppo di giovani a Quezzi, 4 feriti gravi tra cui una ragazza incinta

  • Covid, nuove regole in Liguria: alle superiori lezioni a casa a rotazione, "coprifuoco" in 4 zone di Genova

  • Incidente a Quezzi, arrestato il pirata della strada

  • Covid, il coprifuoco per frenare il contagio: cosa succede nelle zone rosse. Ospedali in affanno

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento