Croce Bianca genovese, l'impegno dei volontari per la consegna di farmaci e spesa agli anziani

Servizio è reso possibile dall’impegno di tutti i volontari della Croce Bianca e grazie al contributo economico messo a disposizione dai Rotary Club genovesi

La Croce Bianca Genovese, da sempre impegnata a difesa dei soggetti più bisognosi, in questi mesi di improvvisa emergenza sanitaria ha lavorato per a garantire, con un considerevole sforzo, ulteriori servizi fondamentali come la consegna a domicilio dei farmaci e della spesa a tutti i soggetti più fragili e agli anziani.

Dovendo infatti far fronte all’impellente disagio della cittadinanza ed alle necessità dei più deboli, è stata imperativa l’attivazione di un gruppo di volontari che si prestassero appositamente per queste opere, aiutando così con successo le persone a restare all’interno delle loro abitazioni. Con circa 500 consegne al mese, il servizio si protrarrà fino alla cessata allerta, comportando un investimento di tempo, mezzi e volontari non indifferente.

Questo servizio è reso possibile dall’impegno di tutti i volontari della Croce Bianca e grazie al contributo economico messo a disposizione dai Rotary Club genovesi con il supporto del Distretto 2032 che riunisce i Rotary Club della Liguria e delle tre province piemontesi di Alessandria, Asti e Cuneo.

Infatti, anche grazie a questo aiuto la Croce Bianca Genovese è riuscita a garantire in modo capillare la consegna di medicinali e di alimenti ai più fragili, ad implementare la propria centrale operativa dedicando un operatore apposito alla gestione delle chiamate per questi generi di prima necessità ed infine è riuscita ad approvvigionarsi di molti Dpi (Dispositivi di Protezione Individuale) come divise, scarponi, tute protettive monouso e molto altro.

«Abbiamo deciso di sostenere lo straordinario lavoro effettuato dalla Croce Bianca sul territorio - afferma Ines Guatelli, Governatore del Distretto Rotary 2032 - nei riguardi delle persone fragili e sole che debbono affrontare questo terribile periodo di emergenza. Il Rotary è sempre molto attento alle persone più indifese, sole e bisognose di un aiuto; in questo tempo di angoscia e paura noi rotariani siamo chiamati ad intervenire, a fianco delle Istituzioni, mettendo a disposizione le nostre professionalità, le nostre risorse, agendo su più frangenti, creando un’azione sinergica, condivisa ed efficace».

«La P.A. Croce Bianca Genovese, a nome di tutto il personale volontario e della popolazione, dimostratasi più che riconoscente, ringrazia il Distretto 2032 dei Club del Rotary, la sua Governatrice Ines Guatelli, tutti i presidenti dei Club e i singoli Rotariani per l’impegno e l’apporto di risorse che sono riusciti a mettere in campo, facendo sì che a ogni persona e nello spirito del “#iorestoacasa” potesse essere garantita l’assistenza nella massima sicurezza possibile. “Necessitas fortiter ferre docet“ ("La necessità ci insegna a sopportare le sfortune coraggiosamente" – Seneca) vale quindi come augurio ma soprattutto come riconoscimento per tutti quelli che hanno partecipato coraggiosamente e con impegno a questo importante e grande progetto, in un momento così drammatico e straordinario della nostra vita».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ferrari distrutta per Marchetti mentre si allena a Pegli

  • La Liguria torna in zona gialla, ma si attende il nuovo (e più severo) dpcm: cosa si sa

  • Covid, firmato il nuovo dpcm: spostamenti, asporto e scuola, cosa prevede

  • Covid, la ricerca delle università di Genova, Okinawa e Francia: «Il distanziamento non basta»

  • Weekend in zona arancione: le regole su spostamenti, negozi e supermercati

  • Il genovese "Fotografo dei Puffi" conquista i social: «Così faccio conoscere la Liguria con fantasia e ironia»

Torna su
GenovaToday è in caricamento