rotate-mobile
Coronavirus Centro / Via Giuseppe Macaggi

Hub vaccinali presi d'assalto, caos in centro. Toti: "Bisogna prenotarsi"

La polizia dirige il traffico nella zona del Quadrilatero dove, in via Cesarea, centinaia di persone si sono recate al punto vaccinale

Marciapiedi a tappo e strade invase dai pedoni in coda per fare il vaccino.

Giornata da incubo oggi, giovedì 2 dicembre in centro dove, soprattutto nella zona del Quadrilatero, centina di persone si sono presentate all'hub vaccinale di via Cesarea. Alcuni rispettando la chiamata secondo la prenotazione effettuata sul sito o in farmacia, altri pensando che la linea ad accesso libero fosse per tutti. Non è così. Il presidente della Regione, Giovanni Toti, ha dovuto convocare, in serata, una conferenza stampa straordinaria per spiegare ancora una volta le regole ed evitare lunghe code ai cittadini che si sono comportati correttamente e per evitare altri episodi potenzialmente pericolosi per la viabilità che hanno costretto, ad esempio, l'invio di pattuglie della polizia locale in via Macaggi.

 “Dispiace che chi ha preso regolarmente appuntamento, attraverso un sistema computerizzato tra i più efficaci, abbia trovato code e situazioni di disagio legate all’afflusso delle tante persone che invece si sono recate agli hub in accesso libero, quindi senza prenotazione, per farsi somministrare la terza dose", ha detto Toti. "Ribadisco che attraverso il sito è possibile trovare posto 48 ore dopo dal giorno della prenotazione così come è facile e comodo prenotarsi in farmacia, attraverso i Cup e il numero verde. Chi prenota limita disagi a se stesso e agli altri".

Covid: obbligo di mascherina all'aperto in alcune vie: la mappa

Una situazione che, al di là deglie effettivi disagi, segnala un balzo avanti nella somministrazione delle prime dosi anche grazie all'introduzione del super green pass e alla preoccupazione per l'insorgere di nuove varianti. Occorre ricordare, però, che le linee prioritarie non sono dedicate a chi deve fare la prima dose ma alle categorie indicate nella circolare ministeriale: "Restano invece le linee ad accesso libero per chi deve ancora effettuare la prima dose e per le categorie che hanno l’obbligo vaccinale (sanitari anche amministrativi, docenti e personale amministrativo della scuola, militari, forze di polizia compresa quella penitenziaria, personale del soccorso pubblico, immunodepressi e con particolari condizioni di rischio). Da domani negli hub liguri saranno presenti steward che inviteranno chi deve fare la terza dose a tornare a casa e a passare attraverso i canali di prenotazione”. 

Il governatore, anticipando il report del Cts che sarà presentato domani, ha confermato che la Liguria anche la settimana prossima resterà in zona bianca, nonostante il balzo dei contagi (600 nelle ultime 24 ore), le terapie intensive non hanno ancora raggiunto il limite per lo scatto in fascia gialla.

Terza dose vaccino: anticipare il richiamo o aspettare? Le risposte di Bassetti

“L’andamento delle vaccinazioni nella nostra regione prosegue a ritmo spedito e a testimoniarlo è anche il numero di somministrazioni giornaliere che nelle ultime 24 ore sono state più di 12 mila. Sono state invece quasi 12 mila le prenotazioni (partite ieri alle ore 12) per le terze dosi nella fascia 18-39 anni. Numeri che ci dicono come ancora una volta la fascia dei più giovani stia dando il buon esempio. Anche grazie a loro e a tutti i liguri che si stanno affidando alla scienza la Liguria sarà ancora in zona bianca anche la prossima settimana, nonostante il numero dei contagi sia anche oggi molto elevato”. Dopo il sì dell'Aifa la Liguria inizia a pensare, anche logisticamente, a come e dova vaccinare la fascia under12. “Per quanto riguarda le vaccinazioni ai bambini – ha spiegato ancora il presidente Toti - vista la situazione negli hub stiamo pensando a luoghi separati adeguatamente brandizzati per renderli accoglienti e idonei per i più piccoli, con un presidio permanente di pediatri di libera scelta. Il Gaslini sarà l’hub centrale per elaborare le linee guida e per la parte clinico-scientifica e di sostegno alle famiglie. Asl3 sta ragionando sull’ hub a Villa Bombrini e ce ne saranno altri in giro per la città”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Hub vaccinali presi d'assalto, caos in centro. Toti: "Bisogna prenotarsi"

GenovaToday è in caricamento