rotate-mobile
Coronavirus

Bucci: «In zona gialla continuiamo a rispettare le regole per non ridiventare arancioni»

Da lunedì zona gialla, ma non è un "liberi tutti": occorre tenere alta la guardia in modo da non tornare indietro

Da lunedì 1 marzo la Liguria torna in zona gialla, ma non è un "liberi tutti": occorre tenere alta la guardia in modo da non tornare in arancione, causando un danno anche alle attività economiche che nei prossimi giorni potranno respirare un po' di più.

Le parole di Marco Bucci, sindaco di Genova, durante la conferenza stampa di sabato sera, sono per invitare i cittadini alla cautela. Dopo aver parlato dei cambiamenti che riguarderanno da lunedì alcune linee Amt, il primo cittadino ha detto: «Per le prossime due settimane dovremo ancora più rispettare le norme, perché questo ci consentirà di rimanere in zona gialla. Abbiamo ricordato le vittime del covid e ringraziato il personale ospedaliero per tutto quello che è stato fatto per la nostra città, significa che rimboccandoci le maniche tutti insieme riusciamo a concretizzare dei risultati, nei prossimi giorni dobbiamo continuare così».

Inoltre, domenica la Liguria è ancora in zona arancione: «Non dobbiamo perdere l'occasione di peggiorare la nostra situazione - conclude Bucci - domenica ci aspettiamo che siano rispettate tutte le norme della zona arancione, anche se è una bella giornata, ma c'è la possibilità di andare in giro anche sui nostri monti, sul mare, in maniera sicura e rispettando le norme».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bucci: «In zona gialla continuiamo a rispettare le regole per non ridiventare arancioni»

GenovaToday è in caricamento