Coronavirus: 65 nuovi casi su 995 tamponi, tre le vittime

Il quadro dell'emergenza covid-19 in Liguria con i dati aggiornati relativi a nuovi contagi, tamponi, ospedalizzati, guariti e deceduti

Questa la situazione dell'emergenza coronavirus in Liguria, aggiornata a lunedì 14 settembre 2020: gli attuali positivi sono 2.345, quarantanove in più rispetto a domenica, e 65 i nuovi casi diagnosticati su 995 tamponi eseguiti.

Il bollettino della Regione riporta 11.917 casi positivi totali da inizio emergenza, 10.311 dei quali sintomatici. La provincia con il maggior numero di positivi è quella di Genova con 977, seguita da La Spezia, dove i positivi sono 773, 219 e 115 quelli delle province, rispettivamente, di Savona e Imperia. Le persone positive residenti in Liguria, ma fuori regione, sono 94, mentre sono in fase di verifica 167 tamponi.

I ricoverati in ospedale sono 138, di cui dodici in terapia intensiva, mentre in isolamento domiciliare, in terapia cioè tra le mura di casa, restano 1.062 persone. Tredici i nuovi guariti, per un totale da inizio emergenza di 7.990 sulla totalità di 11.917 persone che si sono ammalate. Le vittime totali sono 1.582, le ultime sono un uomo di 70 anni, deceduto domenica 13 settembre, un uomo di 94 anni, deceduto lunedì 14 settembre, e una donna di 88 anni, anch'essa deceduta oggi, tutti all'ospedale di Sarzana.

Per quanto riguarda i soggetti in sorveglianza attiva, e cioè monitorati perché contatti di casi, nel territorio della Asl 1 sono 95, in quello della Asl 2 invece 196, 456 quelle in Asl 3, 114 in Asl 4, 871 in Asl 5. Fra le dodici persone ricoverate in terapia intensiva c'è anche Francesco Biamonti, candidato per il consiglio comunale a Cogoleto.

Sono 65 i nuovi positivi in Liguria, secondo i dati trasmessi da Alisa al ministero. Questo il dettaglio dei nuovi positivi:

  • ASL1: 1 accesso ospedale
  • ASL2, 3: 1 accesso ospedale e 2 contatti di caso
  • ASL3, 14: 6 contatto di caso confermato e 8 attività di screening
  • ASL5, 47: 32 contatto di caso confermato e 15 attività di screening.

La specificazione della Asl sopra riportata non è riferita alla residenza delle persone bensì alla sede territoriale dei laboratori dove è stato refertato il tampone.

Coronavirus, aggiornamento cluster La Spezia

La Regione ha precisato che, l'area compresa tra via Aldo Ferrari, viale Giovanni Amendola, viale Garibaldi e via Fiume Nord nella città della Spezia, circoscritta dall'ordinanza n.59 di Regione Liguria e confermata dall'ordinanza n.60, corrispondente al Cap 19122, è stata individuata in quanto 'connota particolare criticità sulla base del monitoraggio epidemiologico condotto da Alisa', monitoraggio da cui è emersa una maggior diffusione del contagio rispetto al resto della città. A fronte di questa evidenza, si è reso necessario intervenire per poter garantire il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di 1 metro.

In particolare, la scelta di tale area è avvenuta a seguito dell’attività di tracciamento da cui è emersa la presenza in quella zona del maggior numero di casi individuati alla Spezia, con un’incidenza, dall’inizio del cluster, del doppio rispetto alle altre zone della città.

Emerge dai dati del tracciamento che oltre il 60% dei casi positivi alla Spezia appartiene alla comunità sudamericana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente di caccia a Bolzaneto: muore 58enne colpito per errore

  • Travolta da uno scooter a Sant'Eusebio, muore in ospedale: «Ciao Ale»

  • All'asta le sneaker della Lidl. Anche mille euro per una taglia 38

  • Lo spettacolo della Corsica dalla Liguria: miraggio o realtà?

  • A passeggio dopo il coprifuoco: «Stiamo tornando a casa dopo una festa con amici». Multati

  • La risposta ligure alle scarpe della Lidl? Ci pensa il comico Andrea Di Marco con il Movimento Estremista Ligure

Torna su
GenovaToday è in caricamento